Elettrodomestici, crolla il bruno, tiene il bianco

Retail

Le prospettive del settore Consumer Electronics erano al centro del convegno “Dalla Price Erosion alla Value Erosion”, organizzato da Class PR e Paola Gallas Comunicazione, con l’intervento di  Deloitte e GfK, e con il Sole 24 ORE Business Media come media partner.
Di grande interesse l’analisi di mercato fornita da Gfk: per il mercato Total Consumer Durables si registra un -11% a quantità (aggiornamento a maggio) e un -5% a valore, con una tendenza ancora più negativa nell’ultimo mese di riferimento: -14% a quantità e -6% a valore.
Secondo Antonio Besana, direttore commerciale di GfK, sono i pochi segnali positivi, in particolare per prodotti innovativi (Flat TV, smartphone, netbook) che vanno a sostituire prodotti più obsoleti. Buona la performance dei decoder digitali, anche se si tratta di un exploit destinato a esaurirsi nel volgere di pochi mesi.

 

Erosione del prezzo
Per quanto invece riguarda la price erosion, GfK ne conferma la  tendenza: il Price Index (indice ponderato dei prezzi su base fissa gennaio 2006 e rilevato da GfK su un paniere di oltre 800 mila referenze appartenenti a cinque settori) ha registrato un calo del 28,8% da gennaio 2006 ad aprile 2009. La maggiore flessione si registra nei settori telefonia (-27%), IT (-37%) e Consumer Electronics (-47%). Questo sensibile calo sembra toccare meno i settori del bianco, che, come ha mostrato Enzo Frasio, Group Account Manager Sda/Mda di GfK, sta tenendo meglio. Stanno scendendo i prezzi dei prodotti per il lavaggio ma si sta innalzando la qualità media degli apparecchi sclti dal cliente. Il "freddo" poi registra una sostanziale stabilità nelle vendite. Altrettanto non può però dirsi del Consumer Electronics, il cui andamento va di pari passo con la crisi, avendo registrato da Gennaio ad Aprile un -8% che tradotto in dato tendenziale annuo significa -7%. Dalle rilevazioni GfK si evince però che per quanto riguarda gli acquisti di alcuni prodotti (Tv, Mp4, Camcorder, Home Theater) le scelte dei consumatori, rispetto al passato, sembrano orientarsi maggiormente verso i prodotti hi-end, e nel caso dei Tv verso i grandi schermi, magari Full HD, ma anche qui il fenomeno è favorito dal tracollo dei prezzi al pubblico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here