I giapponesi preferiscono il biologico se il cibo non è di provenienza nazionale

Ritorno alla natura. Quasi come
seguendo tacitamente una parola
d'ordine, i consumatori giapponesi
sono trasversalmente alla ricerca di
autenticità. Un movimento trasversale
che parte dalla tavola e arriva fino
alla formulazione di veri e propri stili
di vita. Si tratta di dinamiche diffuse,
difficili da circoscrivere, rintracciabili
nei supermercati interamente dedicati
al cibo organico (è il caso della catena
Natural House) così come in linee di
abbigliamento ispirate alla natura e alla
campagna (tanto che diventano di moda
i mompe, i pantaloni che indossano
i contadini per lavorare nei campi).
la sesta industria
Anche la politica è arrivata (con un
po' di ritardo) a intuire le potenzialità
del nuovo mercato, tanto che durante
un intervento in Parlamento lo scorso
gennaio, il Primo ministro Yukio Hatoyama
ha dichiarato che il suo governo
ha l'intenzione di rivitalizzare agricoltura,
silvicoltura e pesca promuovendo la
crescita di quella da lui stesso definita
come “sesta industria”.

Per saperne di più, scarica il PDF ...

 

 

Allegati

/wp-content/uploads/sites/7/2014/10/412_16.pdf” target=”_blank”>I giapponesi preferiscono il biologico se il cibo non è di provenienza nazionale
L’intero settore alimentare è sempre più influenzato dal desiderio di vita più sana | Gdoweek | 3 maggio 2010 |

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome