Innovare l’esperienza di acquisto negli store Basko (Gruppo Sogegross)

In corso i test delle etichette elettroniche per i prezzi e i chioschi multimediali per gestire la fila ai banchi serviti con il progetto sviluppato da Retex

basko smart kiosk

Due elementi di trasformazione digitale del retail hanno fatto la comparsa negli store pilota dell’insegna Basko nel corso del 2020: si tratta dei chioschi interattivi per la gestione delle code nei banchi assistiti e l’implementazione delle etichette elettroniche a scaffale, progetti realizzati da Retex. “Siamo partiti dalla parte più pregiata della rete -dice Giovanni D’Alessandro, direttore generale Basko-, che ha un alto numero di sku, cercando di innovare la user experience all’interno dello store. Retex è un nostro partner strategico sul fronte dell’innovazione tecnologica, necessaria per tenere aggiornata la nostra rete di vendita, dalla barriera casse alle soluzioni che abbiamo implementato in questi ultimi mesi”.

Lo sviluppo e il roll out del progetto

I progetti erano stati preparati già a fine 2019 e il time to market è corrisposto con lo scoppio della pandemia, “la nostra volontà è quella di innovare nel mondo dell’assistenza ai nostri clienti -continua D'Alessandro-, attraverso strumenti più moderni che possono anche offrire soluzioni alternative a quelle tradizionalmente applicate nel mondo della distribuzione moderna. Abbiamo così introdotto nei nostri pdv più rappresentativi le etichette elettroniche, che hanno dato un vantaggio nello scarico a terra di tutta una serie di complessità come le variazioni di prezzo o l’allestimento delle attività promozionali evidenziandole al meglio a scaffale. Ma il vero vantaggio lo abbiamo avuto dai chioschi rompicoda, che distribuiscono il numero per il servizio ai banchi e permettono di tenere al corrente il cliente del tempo di attesa per essere servito. Questo vuol dire ottimizzare il tempo di presenza all’interno del pdv, si evita che il cliente perda il proprio turno, con conseguente frustrazione e insoddisfazione nell’esperienza di acquisto”.

L’hardware scelto dal Gruppo Sogegross è il kiosk Axon, che integra il sistema operativo Windows, sul quale Retex ha lavorato per l’interfacciamento con i sistemi di Basko. “Entrambi i progetti sono stati gestiti in piena pandemia e in un regime contingentato -dice Roberto Marangoni, client manager di Retex-, e questa è stata una sfida non indifferente nella realizzazione. Attualmente la soluzione Smart Kiosk presenta solo la gestione delle code ai banchi, ma in futuro ci sarà la possibilità di avere il pagamento di bollette o la consultazione della lista ingredienti. Abbiamo inoltre interfacciato la soluzione nei Personal self shopping di Zebra che utilizza Basko: quando il cliente arriva al chiosco, scansiona il QrCode applicato a fianco di ogni banco, il Pss registra la prenotazione, senza la stampa del biglietto, e informa il cliente sulla situazione della coda direttamente dal device”.

Le etichette elettroniche a tre colori

L’altra grande innovazione è stato il passaggio dalle etichette cartacee, che erano stampate direttamente dal software di Erp e posizionate a mano sullo scaffale, a quelle elettroniche. “La peculiarità di questo progetto -continua Marangoni- è la tempistica con cui è stato implementato, il via ci è arrivato a fine agosto e a ottobre la soluzione era pronta. Non solo una mera installazione hardware, ma l’interfacciamento e integrazione con i loro sistemi di Erp e di flusso promozionale. In dieci giorni abbiamo sostituito i rail delle etichette cartacee su tutti gli scaffali e abbiamo applicato quelli per le etichette elettroniche, il tutto fatto in parallelo sui due pdv, con due squadre da sei persone”.

etichetta elettronica Sesetichette elettroniche Ses BaskoLe etichette utilizzate negli store Basko sono di Ses-imagotag da 2,6 e 1,6 pollici. “L’etichetta elettronica permette di avere una più chiara leggibilità -commenta D’Alessandro-, stiamo pensando anche di aggiungere ulteriori funzionalità come il QrCode. Internamente ci stiamo dotando di professionalità con skill diverse che non avevamo nel passato, perché ci rendiamo conto che il mondo dell’innovazione deve essere presidiato nel migliore dei modi possibili. Basko si è sempre mossa in anticipo, ma è l’esperienza del vissuto complessivo dell’insegna che vogliamo raccontare ai nostri clienti. Alla ‘qualità che fa la differenza’ uniamo tutto il mondo legato all’innovazione, a partire dalle sei modalità diverse per fare la spesa, in questa primavera abbiamo per esempio installando i nostri locker direttamente all’interno delle aziende del territorio”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome