Kentucky Fried Chicken dona 50.000 dollari a Banco Alimentare

Kfc-Kentucky Fried Chicken dona, attraverso Yum! Foundation, 50.000 dollari alla Rete Banco Alimentare, da anni impegnata quotidianamente nella consegna, in molti comuni italiani, di prodotti alimentari a persone bisognose. Yum! Foundation è la Fondazione di Yum! Brands, il gruppo di cui fa parte Kfc, e sostiene programmi di aiuto alimentare nel mondo. Sostiene anche iniziative nell'arte e nella cultura, nell'istruzione, nei servizi sociali e nella diversità.

"Abbiamo deciso di dare questo contributo a Banco Alimentare con il quale abbiamo già una collaborazione consolidata da anni sul progetto Harvest di Kfc per il recupero e la donazione delle eccedenze alimentari dei nostri ristoranti -commenta Corrado Cagnola, amministratore delegato di Kfc Italia-. È un sostegno per il lavoro che Banco Alimentare sta facendo in questa emergenza, ma anche per quello che dovrà fare quando ne saremo usciti, che sarà altrettanto importante".

"È confortante avere al nostro fianco aziende come Kfc Italia che condividono con noi lo sforzo di sostenere oltre 7.500 strutture caritative che forniscono aiuto alimentare a 1.500.000 persone povere -aggiunge Giovanni Bruno, Presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus-. Dal nostro osservatorio vediamo che le persone in difficoltà aumentano di giorno in giorno: registriamo già un +20% di richieste di aiuto dall’inizio dell’emergenza. Siamo certi che solo con una catena di solidarietà capace di coinvolgere istituzioni, realtà produttive, terzo settore e singoli cittadini, si potrà affrontare e superare questo momento di crisi".

Per aiutare medici, infermieri e personale sanitario in prima linea, nelle scorse settimane, grazie all’impegno dei ragazzi del Kfc di Milano Bicocca gestito in franchising dalla società 5Roosters srl, Kfc ha mandato agli ospedali Luigi Sacco di Milano, Humanitas di Rozzano e San Gerardo di Monza alcune spedizioni di pollo fritto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome