L’esperienza del museo (e shop) del cioccolato di Anversa

museo del cioccolato di Anversa
museo del cioccolato di Anversa

È un'esperienza multisensoriale e coinvolgente, quella che il museo del cioccolato di Anversa vuole offrire ai propri visitatori, anche a quelli dei negozi, dei ristoranti e delle sale eventi e riunioni presenti all'interno della struttura. Nasce così la partnership tra Chocolate Nation, appunto il museo belga, e Panasonic, che oltre alla tecnologia ha fornito il know how. Vediamo di cosa si tratta, a caccia di ispirazione per le possibili applicazioni di schermi, proiettori e telecamere all'interno di un contesto retail.

Spettacolarizzazione nel museo del cioccolato di Anversa

Videoproiezioni per coinvolgere i visitatori

In tutto 20 schermi professionali, 10 proiettori laser, varie telecamere di sicurezza e soluzioni di telefonia. Il tutto al servizio di un percorso di scoperta multisensoriale, che ripercorre le tappe della coltivazione e della lavorazione delle fave di cacao, fino al prodotto finale, il cioccolato. Sono 14 le aree tematiche costruite per i visitatori, dalla giungla al trasporto delle fave attraverso l'oceano per approdare ad Anversa, porto specializzato in questo tipo di prodotti, dove il cacao viene trasformato in cioccolata.

 

 

Videoproiezioni nei piatti per il ristorante del museo
Videoproiezioni nei piatti per il ristorante del museo

L'esperienza diventa immersiva grazie a videoproiezioni sul soffitto, sulle pareti e sul pavimento che creano la sensazione di trovarsi su una nave porta container in alto mare, oppure di sperimentare la vista ravvicinata della macchina, immaginaria e in stile Willy Wonka, che produce il cioccolato. Accanto alla vista, luce ed effetti sonori amplificano la sensazione di realismo. In un'altra installazione, i visitatori entrano in contatto in virtuale con i produttori di cioccolato di Anversa e nel ristorante le videoproiezioni vengono usate per animare.... i piatti.

La tecnologia per l'affidabilità e il profitto

Una delle sale del museo attrezzata per eventi
Una delle sale del museo attrezzata per eventi

La scelta sembra essere gradita visto che nei primi 9 mesi di apertura i visitatori sono stati oltre 100 mila. La gestione del museo contava nell'efficacia della creazione di un ambiente magico. Con 3 anni a disposizione per pianificare e costruire l'esperienza del museo, le attrezzature installate sono state scelte anche in base alla capacità di rispondere a determinati requisiti, fra i quali l'affidabilità, la flessibilità rispetto agli orari di apertura del museo e una manutenzione che fosse la più "leggera" possibile. Il modello è anche replicabile all'estero, grazie al fatto che Panasonic è un provider globale.

Uno dei display video che accompagnano il tour del museo
Uno dei display video che accompagnano il tour del museo

Le tecnologie impiegate: proiettori Lcd e Dlp, monitor professionali con dimensioni comprese tra 32" e 65", telecamere Dome a 360° e video gestione con Panasonic Video Insight, sistema di comunicazione ibrido KX-NS700, telefoni da scrivania, telefoni Dect e citofoni tra loro integrati in un unico sistema.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome