L’impegno sostenibile di Despar

DESPAR via cernaia PADOVA_esterno_© gerdastudio_02
Foto Gerdastudio

Le iniziative anti spreco avviate da Despar nel corso dello scorso anno hanno portato ad alcuni importanti risultati: riduzione dei rifiuti, delle emissioni di CO2 e del consumo di acqua insieme al recupero di 3,2 milioni di pasti per un valore complessivo dei prodotti recuperati, non food compresi, di 7 milioni di euro.

È il bilancio tracciato dall'insegna in occasione della Giornata Nazionale di prevenzione dello spreco alimentare. “Despar è un’insegna da sempre fortemente impegnata nelle iniziative di carattere sociale e ambientale -afferma Filippo Fabbri, direttore generale di Despar Italia-. Cerchiamo di mettere in atto iniziative concrete, capaci di produrre un impatto significativo in termini di sostenibilità. Nel 2021 rafforzeremo il nostro impegno per fare ancora meglio nel contrasto allo spreco alimentare”.

 

 

In questo ambito si colloca anche la collaborazione con Federdistribuzione che ogni anno, in sinergia con enti no profit, prevede la ridistribuzione delle eccedenze alimentari.

I risultati antispreco

Nel 2020 le attività avviate dall'insegna hanno evitato uno spreco di 1.500 tonnellate di cibo, permettendo di non disperdere oltre 4,9 milioni kg di CO2 impiegati nella produzione del cibo redistribuito. Per quanto riguarda, invece, l'acqua Despar ha preservato oltre 2,9 milioni di metri cubi usati per la realizzazione degli alimenti sottratti allo spreco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome