Lo sviluppo di Kasanova: 100 store all’anno e 1.500 touch point

kasanova

Il progetto di espansione di Kasanova, che conta oggi 500 store tra diretti e affiliati, prevede l'apertura di 100 strutture all'anno più “pilotine” stand alone nei negozi affini, grazie all'attività business-to-business.

Kasanova crede nello sviluppo dei negozi di città -afferma il Ceo Maurizio Ghidelli- anche piccole, e non più solo nelle metropoli, perché dopo il lockdown si è aperta una possibilità, grazie allo smart working e alla rete veloce che arriverà a breve, per poter lavorare da casa rivitalizzando il tessuto economico e sociale della città dove si vive”.

 

 

Le formule disponibili

Questo significa che diminuirà la presenza dell'insegna nelle grandi città. A riguardo l'azienda chiarisce che le attese di fatturato non saranno elevate come nelle location più prestigiose. I negozi opererebbero, quindi, in franchising, e a loro Kasanova chiederebbe una fidejussione di 50mila euro, e con 50.000 euro di capitale si potrà sia arredare il negozio che riempirlo con merce pari a 60.000 euro.

Il recruiting di investitori si svolgerà attraverso un road show in tutti i paesi di interesse. Kasanova offrirà anche la possibilità di usufruire di un espositore stand alone (pilotine) contenente un computer e un monitor, da posizionarsi in tantissime attività commerciali di negozi non affiliati dove poter completare la gamma merceologica con i casalinghi di Kasanova. Da questa postazione ci si potrà collegare al sito web di Kasanova e si potranno vendere tutti i prodotti disponibili guadagnando margini come se si fosse degli affiliati dello stesso marchio. L'obiettivo è di sviluppare una rete con 1.500 touch point che possano completare l’offerta utilizzando ogni canale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome