Pulizie? Durante le vacanze passa iRobot con Roomba

“Durante le vacanze alle pulizie di casa ci pensa iRobot”. Questo l'ultimo slogan della campagna estiva di iRobot, azienda americana tra i principali player al mondo di robot per la pulizia domestica, che a ridosso delle vacanze estive ha voluto render noto come, per acquisti effettuati dallo store online ufficiale www.irobot.it, è ora attiva una promozione che consente di risparmiare fino a 200 euro sull’acquisto dei robot aspirapolvere e lavapavimenti top di gamma, Roomba i7+ e Braava jet m6.

In completa autonomia

Una promozione attiva fino al 31 luglio. A partire dall'introduzione sul mercato del robot aspirapolvere Roomba nel 2002, iRobot ha nel tempo consolidato il proprio ruolo nella progettazione e costruzione di robot capaci di prendersi cura della pulizia della casa, grazie a robot che utilizzano tecnologie proprietarie e avanzate caratteristiche per pulizia, mappatura e navigazione, con una gamma prodotto che comprende dalla famiglia di robot aspirapolvere Roomba alla famiglia di robot lavapavimenti Braava. In questo modo, iRobot è diventata oggi un'azienda globale, con più di 30 milioni di robot venduti in tutto il mondo, di cui oltre 1 milione in Italia, grazie alla società Nital che li distribuisce il marchio sul territorio nazionale.

È così che all'affacciarsi dei primi caldi estivi, con questa sua promozione dedicata due robot top di gamma, iRobot sostiene una più lieta programmazione delle agognate vacanze per mete nazionali ed estere in questo ulteriore complicato anno da emergenza sanitaria Covid19. Perché, ricordano dall'azienda, “purtroppo la polvere non va in vacanza e in poco tempo ritorna a fare capolino su tappeti e pavimenti, anche in un’abitazione non vissuta. Ma l’intelligenza dei robot aspirapolvere e lavapavimenti di iRobot sono il segreto per non interrompere mai le pulizie domestiche, anche quando non si è fisicamente presenti in casa”.

Ecco quindi che per consentire agli utenti di godere di tutti i vantaggi della propria tecnologia robotica più avanzata, fino a sabato 31 luglio, sarà possibile risparmiare fino a 200 euro sull’acquisto online di un modello a scelta tra Roomba i7+ (799 euro al pubblico) e Braava jet m6 (499 euro), o un bundle con entrambi i prodotti. Una scontistica dedicata a questi modelli particolarmente evoluti e capaci, non solo di garantire una pulizia profonda, ma anche funzioni più avanzate. Come appunto autonomia ed intelligenza. Roomba i7+ è infatti dotato della Clean Base che svuota in automatico il serbatoio e non fa entrare l’utente in diretto contatto con la polvere. E inoltre, sia il robot aspirapolvere che il lavapavimenti Braava jet m6 integrano l’innovativa piattaforma iRobot Genius Home Intelligence con Intelligenza Artificiale, che consente di personalizzare il ciclo di pulizia in base allo stile di vita.

Un esempio su tutti? Con la modalità “Pulisci quando sono via”, si attiva il servizio di localizzazione dello smartphone e gli utenti possono impostare un’area entro o fuori dalla quale il robot si metterà in azione. Al primo avvio i dispositivi eseguono un giro di perlustrazione per memorizzare la planimetria della casa attraverso la tecnologia Imprint™ Link Technology e successivamente è possibile indicare sulla mappa in quali stanze i robot devono concentrare l’azione pulente e in quali fasce orarie, così da avere un risultato sempre soddisfacente, anche a distanza. Le diverse modalità di pulizia di Braava jet m6 (umido o a secco o con Precision Jet Spray) e la pulizia a tre stadi AeroForce™ di Roomba i7+ con le doppie spazzole in gomma contro rotanti riescono a raccogliere tutti i detriti dalle superfici, anche quelli più grossolani. Un lavoro di pulizia possibile anche in combinata, con robot aspirapolvere e lavapavimenti che dialogano tra loro per coordinare le loro attività e, una volta terminato il percorso, ritornare da soli alla propria base di ricarica.

Lo stay-at-home forzato ha spinto le vendite di numerose tipologie di elettrodomestici. Dall’analisi dei dati di vendita condotta da GfK, la riscoperta della centralità della casa si è rivelato un trend parallelo al potenziamento della dotazione tecnologica delle abitazioni. Nel corso dell’ultimo anno sono diventate spesso i luoghi dell’attività lavorativa e della didattica a distanza. Tra i prodotti che hanno registrato la crescita maggiore fra i dispositivi smart ci sono gli aspirapolvere connessi (+43%). E che la pulizia della casa sia diventata una questione sempre più smart in questo periodo lo conferma anche l’analisi di Trovaprezzi.it, che ha dedicato un osservatorio specifico agli elettrodomestici per la pulizia degli ambienti casalinghi (le categorie analizzate sono Aspirapolvere e Pulitrici, Trattamento Aria) delineandone i principali trend in corso.

Un periodo favorevole

Nel 2020 il comparto della domotica valeva circa 566milioni di euro, e si stima che entro il 2023 il giro d’affari dovrebbe addirittura superare il miliardo di euro (Rapporto Smart Home “Internet of Things nelle case italiane” – Centro Studi Tim). Sono cresciute soprattutto le vendite effettuate dai negozi esclusivamente online, che hanno segnato +20% nell’intero anno 2020. A fare da traino anche tanti piccoli elettrodomestici smart comandabili da remoto, come ad esempio il robot aspirapolvere (Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano).

Sanificazione e pulizia profonda

Niente di più efficace di una pandemia per mettere in evidenza il tema della sanificazione e della pulizia profonda delle abitazioni. Gli elettrodomestici sono diventati così intelligenti e funzionali, consentendo di risparmiare tempo a chi in casa deve dedicarsi ad altro.
A gennaio 2021 le ricerche per la categoria aspirapolveri e pulitrici sono state oltre 380mila, con una crescita del 33% rispetto a gennaio 2020. Il trend si è mantenuto in linea durante febbraio (circa 280mila ricerche) con una percentuale di crescita del +36% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre per il mese di marzo 2021 la crescita anno su anno si è fermata al 15% (seppur con circa 300mila ricerche).

Nuove abitudini

Il 60% degli intervistati in Italia dichiara di aver modificato in maniera sostanziale le abitudini di pulizia della propria casa, segnalando un aumento considerevole (25%) delle pulizie e in altri casi lieve (35%). Si registra un cambiamento nel rapporto con le abitazioni e con la percezione dei potenziali pericoli che si nascondono negli ambienti domestici. Alto il livello di interesse nei confronti della qualità dell’aria. Cresciuta anche la consapevolezza rispetto alla pulizia degli spazi di lavoro e di quelli condivisi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome