Sempre più sharing e web nei nuovi fai da te

Dimentichiamo il fai da te, oggi è la sua versione 2.0 a modificare l'approccio delle catene specializzate a questo mercato. L'obiettivo è intercettare un target più evoluto che si avvicina a questo mondo con l'obiettivo di personalizzare, decorare e condividere le proprie creazioni, in un'ottica social oriented. Un ventaglio di clienti potenziali che include una folta presenza femminile, in cerca di una shopping experience gradevole, servizi e professionalità, con un forte innervamento digitale, capace di estendere la shopping experience anche sul web, creando una forte fidelizzazione attraverso forum specializzati, pagine social, video tutorial e community per condividere trucchi, esperienze o mostrare il proprio operato. Le principali insegne stanno intercettando questo movimento che trae linfa dal web, adeguando format e ricercando nuove aree di consumo ancora poco inesplorate . Schermata 2016-09-14 alle 11.42.49

Voglia di maxi
Tra i trend in crescita, si affermano le grandi dimensioni che si caratterizzano per un'offerta ampia e profonda e reparti che spaziano dai tessili per la casa fino agli elettroutensili più professionali. Al contrario degli ipermercati, nel fai da te l'elevato numero di referenze e un posizionamento di prezzo concorrenziale sono elementi attrattivi ancora molto importanti per una clientela mossa, anche, da esigenze di risparmio. È il caso della nuova apertura Obi di via Casilina, Roma, 8.400 mq, di cui 7.100 mq interni e 1.200 mq esterni con un assortimento di 1.500 varietà di piante da interno ed esterno, che posiziona lo store a livello dei garden center iperspecializzati. In questa logica, anche il nuovo Bricoman, in apertura a Verona, vicino all'uscita Verona Sud dell'autostrada A4, incentrato su una maxi superficie.

L'intero articolo su Gdoweek n. 14

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here