Starbucks pensa di chiamare con nomi specifici i singoli store

Retail

L'iniziativa di Starbucks ha l'intento di riportare clienti ai suoi negozi rendendoli più vicini al concetto di comunità personalizzando la shopping experience. La cosa inizialmente riguarderà due o tre store nell'area di Seattle.

Il metodo è di soddisfare il bisogno di appartenenza alla comunità che può essere espressa dai singoli negozi aggiungendo un nome o una parola che faccia riferimento alla zona geografica o, comunque, a una caratteristica del quartiere di appartenenza. Insomma il "genius loci". Tim Pfeiffer, senior vice president Global Design di Starbucks,
in proposito ha dichiarato: "Il senso di questo arricchimento del nome è di
dare agli store un'anima community". E non sarà solo una cosa nominale, verrà infatti aggiunto qualcosa all'offerta e all'atmosfera della catena:  i negozi così modificati venderanno vino e birra, oltre alle varianti di caffè, e ospiteranno musica dal vivo, oltreché letture di poesie.
Se l'iniziativa avrà un esito positivo sulle vendite, altri store della catena verranno progressivamente interessati al progetto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here