Tim e UniCoop Tirreno sperimentano una nuova tecnologia per migliorare la shopping experience

RetailerIN, questo il nome di un sistema in grado di tracciare in modo anonimo l’attività dei consumatori nel supermercato

La finalità dichiarata è quella di ottenere i dati necessari per migliorare i processi interni, guidare il processo decisionale e migliorare la shopping experience dei consumatori. Un obiettivo che si può raggiungere grazie alla tecnologia sviluppata per il sistema RetailerIN, che permette di costruire una sorta di mappa dell’interattività tra clienti e punto di vendita con preservazione della privacy (in modo anonimo).

La sperimentazione, condotta da Thinkinside, una startup trentina partner di Tim, è avvenuta nel superstore Coop Parco del Levante di Livorno: dopo tre mesi ha consentito di ottenere dati importanti per la riduzione dei tempi di attesa alle casse e la fruibilità del punto di vendita. Secondo Gabriele Masciaga, responsabile comunicazione e web Unicoop Tirreno l’esperienza è significativa: “Noi pensiamo che l’innovazione possa aiutarci concretamente a servire meglio i nostri soci e clienti. Questa sperimentazione ci ha consentito di ‘vedere’ il superstore Coop di Parco Levante attraverso gli occhi delle persone. I dati ottenuti ci permettono di implementare dei piccoli ma significativi cambiamenti, in grado di migliorare il servizio che forniamo ai soci e clienti. E il tutto, ovviamente, nel pieno rispetto della loro privacy, in linea con i valori e la missione di Unicoop Tirreno”.

RetailerIN è stato sviluppato nell’ambito del progetto LivLab a cui partecipano Unicoop Tirreno e TIM con il Joint Open Lab di Trento con la Fondazione Bruno Kessler e l’ Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione “A.Faedo” del CNR.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome