Asiago Dop: parte il piano per la crescita programmata

Produttori

Entra ufficialmente in vigore il Piano di Regolazione dell'Offerta dell'Asiago Dop per il triennio 2014-2016. Saranno 1.402.631 le forme di Asiago Fresco e 268.000 quelle di Asiago Stagionato che veranno prodotte, nel 2014, dalla filiera della Dop veneto-trentina composta da 1.595 aziende di allevamento e 46 caseifici.

Scelta all'insegna della qualità

Il piano, reso possibile dalla commissione agricoltura dell'europarlamento capitanata dall'onorevole Paolo De Castro, prevede, per l'anno 2014, la produzione di oltre 1.400.000 forme di Asiago Fresco e di 268.000 di Asiago Stagionato, quantitativo indicato come livello di produzione ottimale dal Consorzio e basato sul punto di equilibrio aggregato. Una scelta che sarà all'insegna della qualità. Infatti, proprio grazie alla maggiore stabilità qualitativa e all'opportunità di programmare con largo anticipo l'attività in azienda, il piano permetterà di perseguire un miglioramento continuo, alzando ulteriormente “l'asticella della qualità”, a tutto vantaggio dell'immagine complessiva del prodotto e della sicurezza del consumatore.

Nuove risorse promozionali

A regime, il piano di crescita programmata garantirà, grazie alla contribuzione differenziata (ovvero la quota che il socio dovrà versare in caso di produzione superiore al punto di equilibrio consortile) nuove risorse promozionali. Nel contempo, il Consorzio lavora per stimolare un impegno sempre più proattivo di allevatori e caseifici nell'affrontare il mercato internazionale. Le prossime sfide sono, infatti, tutte orientate a conquistare e rafforzare le vendite all'estero partendo da quei paesi, come Germania, Francia e Stati Uniti dove già l'Asiago Dop è una presenza consolidata ed estendendosi, nel contempo, nei continenti a maggior sviluppo come Asia e America Latina.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here