Auchan via dalla Cina: gli ipermercati ceduti ad Alibaba

La controllata cinese SunArt, creata da Auchan nel 2000 con Ruentex Group, è stata ceduta per circa 3 miliardi di euro ad Alibaba. Il retailer francese lascia la Cina dopo 20 anni dal suo ingresso cedendo quanto costruito fino ad oggi al colosso eCommerce sempre più interessato allo sviluppo offline. Poco più di un anno fa, Auchan ha lasciato anche il nostro Paese cedendo quasi la totalità dei suoi store al mondo Conad che, in questo modo, ha fortemente potenziato la sua presenza sul territorio italiano.

Auchan Retail ha accettato la proposta formulata da Alibaba di acquistare la quota del 36% in SunArt che conta su 484 ipermercati e 150 mila addetti. Da 20 anni, in stretta collaborazione con i partner locali Ruentex e Alibaba e grazie all’impegno dei nostri team cinesi, abbiamo supportato lo sviluppo delle nostre attività in questo Paese. Mercato stimolante, che tuttavia resta molto specifico”, spiega Edgard Bonte, presidente di Auchan Retail.

Stessa scelta aveva fatto nel 2019 Carrefour vendendo a Suning.com l'80% delle partecipazioni in Carrefour China, come riportato in questo articolo.

Le prospettive future

In una nota, Auchan Retail precisa: "La transazione sarà effettuata al prezzo equivalente di 8,10 dollari di Hong Kong per azione, che sarà la base per un'offerta pubblica di acquisto. Attraverso questa vendita avremo le risorse per ridurre la leva finanziaria, cogliere ogni opportunità rilevante nei mercati in cui siamo presenti e svilupparci in nuovi paesi". Alla base di questa operazione ci sarebbe, quindi, il desiderio di accelerare il lancio del piano aziendale Auchan 2022 ma anche la necessità di coprire parte dei debiti accumulati.

Sulla scelta di lasciare la Cina, Auchan Retail tiene a precisare che sebbene con Alibaba non lavoreranno più insieme come parte di SunArt rimarranno "impegnati nelle collaborazioni tecnologiche continuando a ricercare opportunità per azioni congiunte nei paesi in cui Auchan Retail è presente, sia ora che in futuro". Tre anni fa, infatti, le due aziende avevano firmato un'alleanza per lo sviluppo della vendita al dettaglio di alimenti phygital in Cina.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome