Banco Fresco, videotour del nuovo store di Crema

Inizia il percorso di espansione della rete in Lombardia, il nuovo store ha la particolarità della piazza dei freschi all'ingresso con i banchi serviti

Verticale del fresco e dei freschissimi, presentati con la teatralità tipica dei mercati locali al coperto in un tripudio del prodotto sfuso, Banco Fresco ha aperto il primo punto di vendita in Lombardia a Crema la mattina del 28 marzo 2021.

RIccardo Coppa, banco fresco
Riccardo Coppa, direttore generale di Banco Fresco

Inizia così la fase 2 dello sviluppo della rete dell'insegna dopo l'apertura dei primi due punti di vendita a Beinasco e Torino a partire dal 2017, un periodo utile per testare il formato in Italia, che ha dato un riscontro positivo. "Abbiamo chiuso l'anno dello scoppio della pandemia -dice Riccardo Coppa, direttore generale di Banco Fresco- con un +30%, ora ci focalizziamo sullo sviluppo della rete, che oltre a Crema, prevede anche le aperture a Cremona a giugno e a Cantù a settembre". Un focus sulle aperture fisiche al punto che il servizio di pickup e delivery, lanciato per necessità e per la forte richiesta allo scoppio dell'emergenza sanitaria, è stato sospeso a febbraio 2021, in attesa di una riorganizzazione -e probabilmente del sacro graal della marginalità nei servizi online-.

Saranno 16 in totale gli store previsti nel nord Italia entro il 2022, "Il nostro obiettivo è lavorare su tutto il nord Italia a seconda delle zone e delle opportunità di aprire i nostri store. Noi li apriamo "dal prato", con un format standardizzato" precisa Coppa. Il layout prevede 1.000 mq quadrati di superficie espositiva e altri 1.000 di magazzino, lo store di Crema dà lavoro a circa 40 addetti, ingresso con il tipico tetto a spiovente sulla grande vetrata e a destra un locale panetteria e caffetteria, gestita dal partner El Pan di una volta a cui si può accedere dal negozio e da un ingresso esterno. Banco Fresco è un'insegna distintiva per scelta, come recitano i claim che si trovano sugli adesivi all'interno dello store.

La particolarità del layout di Banco Fresco a Crema

Lo store a Crema si differenzia sul layout rispetto ai due pdv piemontesi: "abbiamo realizzato una piazza del fresco -precisa Coppa-, in questo modo tutti i mestieri dalla macelleria ai formaggi e latticini sono proposti all'ingresso con banchi serviti".Entrata Banco Fresco Crema

Al centro si trova l'ortofrutta che è il core business, rappresentata da 350-400 item e una profondità assortimentale difficilmente riscontrabile nella proposta della distribuzione moderna, basta guardare l'isola dei frutti tropicali, che abbiamo analizzato su Fresh Point. Teatralità anche nei banchi degli ortaggi con nebulizzatori per garantire la freschezza. In questa area è stato applicato un materiale antiscivolo al pavimento.

Particolare lo spazio dedicato al banco del pesce, che non ha, come nel caso di macelleria, salumeria e formaggi uno spazio servito dedicato. Il pescato è contenuto in un particolare pack skin trasparente.

In tutte le famiglie di prodotti viene privilegiata la scelta locale e artigianale su quella industriale, "vogliamo far riprovare i gusti di una volta al nostro cliente -commenta Coppa-, non solo nell'ortofrutta e nei freschi, ma anche nel secco e nella dispensa alimentare, per esempio selezionando i biscotti o le tipicità del territorio".

pasta Banco FrescoNel punto di vendita di Crema sono presenti 8 casse, non è prevista una modalità self service. Gli addetti alle casse seguono corsi di formazione dedicati per riconoscere le referenze sfuse in vendita, che sono pesate e prezzate direttamente al passaggio in cassa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome