Cia: nella spesa aumenta la quota di trasporti e energia a danno degli alimentari

Retail

La crisi stravolge la spesa degli italiani: non cambiano solo le abitudini, ricorrendo di più al discount e al “taglio” in quantità e qualità dei prodotti acquistati, ma si modificano le quote destinate ai vari capitoli di spesa. Con uno sbilanciamento sempre più evidente verso trasporti ed energia a discapito della voce “cibo e bevande”.

Fino a due anni fa il cibo rappresenta un quarto
Fino a due anni fa, la quota di spesa per generi alimentari e bevande rappresentava un quarto della spesa complessiva delle famiglie. Ma dallo scorso anno -sottolinea la Cia- questa quota è andata pian piano riducendosi fino a toccare il 19% del totale: il “caro-carburanti” e i vari rialzi delle tariffe energetiche hanno costretto i consumatori a togliere soldi a beni essenziali come pane, pasta e carne e destinarli invece ad altri capitoli di spesa. La conseguenza è che nell'ultimo anno ogni famiglia italiana ha dovuto “sborsare” più per combustibili, energia elettrica e trasporti (483 euro al mese) che per gli alimentari (477 euro al mese).

Carrello verso il massimo risparmio
Questo significa un ulteriore indebolimento dei consumi alimentari, che nel 2011 sono crollati del 2% e che quest'anno rischiano un tonfo ancora peggiore. D'altra parte, come ha evidenziato l'Istat, ben il 35,8% delle famiglie nel 2011 ha diminuito la quantità e/o la qualità dei prodotti alimentari acquistati. Ma anche in questi primi sei mesi del 2012 -osserva la Cia- i comportamenti d'acquisto degli italiani rispecchiano quella stessa prudenza registrata l'anno scorso, che si traduce in un carrello alimentare orientato al massimo risparmio.
Secondo i nostri ultimi dati infatti -conclude la Cia- il 71 per cento delle famiglie ha riorganizzato le spese per la tavola: comparando i prezzi con più attenzione (il 65%); cercando sconti, promozioni commerciali e offerte speciali (il 53%); privilegiando le grandi confezioni, il cosiddetto formato convenienza (il 42%); comprando quasi esclusivamente nei discount (il 39%).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome