Come attrarre i capitali esteri: Pierluigi Bernasconi Media Market

Retail

Il punto di Media Market

"In base ai dati Ocse, l'Italia è la penultima
nazione nella classifica europea di chi
tra il 2001 e il 2010 ha ricevuto maggiori
investimenti esteri, più precisamente nel
rapporto medio tra investimenti esteri in
entrata e Pil. Dietro di Noi solamente la
Grecia. Un dato incredibile, nella sua lettura
e nel significato macroeconomico
del Paese. In Italia, nel retail, viviamo un
contesto operativo particolarmente complicato
e controverso. Esistono alcuni punti
critici che inevitabilmente frenano lo sviluppo
dell'entrata di capitali internazionali.

Certezza: nei tempi e nel diritto
Molto
spesso cantieri immobiliari commerciali
subiscono ritardi di fattibilità inconcepibili,
che ricadono sulle aziende, sotto forma
di costi e oneri.

Semplificazioni normative
Spesso le regole sono complesse nella
loro applicazione e richiedono investimenti
talvolta onerosi di capitali e di tempo.

Liberalizzazioni
Molto nel 2011 è stato
costruito dall'attuale legislatura, ma molto
vi è ancora da migliorare. Siamo solo agli
inizi.

Normativa del lavoro
Maggiore flessibilità,
minori oneri, minore complessità
dei contratti.

Adeguamento delle infrastrutture
Il Paese deve necessariamente
rimodernizzare le proprie infrastrutture.
Dalle Reti virtuali a quelle fisiche.

Trasporti
e sicurezza del territorio
Per chi opera
nel retail la logistica è vitale. Il Paese ha
una conformazione morfologica che richiede
un servizio trasporti efficiente, al fine di
garantire il massimo servizio al consumatore
finale e operare in un contesto competitivo
sostenibile.

Telecomunicazioni più
efficaci
Il tasso di modernità di un Paese
e di una civiltà passa obbligatoriamente
dalla propria capacità di comunicare in
tempi celeri. La copertura dei segnali di
trasmissione dati, l'ampliamento della
banda larga, devono essere condizioni
imprescindibili.

Costi dell'energia e dei
servizi

Energia, assicurazioni, utenze.
Molto spesso alcuni investimenti vengono
bloccati nelle prime fasi perché gravati da
pesanti costi di realizzazione".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome