Coop-Despar: partnership industriale per sinergie in Sicilia

Retail

Coop Italia e Despar Italia stanno lavorando alla realizzazione di una partnership industriale che garantisca sviluppo alla grande distribuzione organizzata in Sicilia e al suo indotto, offrendo sinergie tra reti commerciali qualificate, a servizio dei consumatori. “L’accordo verrà perfezionato entro l’inizio dell’estate - spiegano Vincenzo Tassinari e Antonino Gatto, rispettivamente presidenti di Coop Italia e di Despar- e consentirà di ampliare l’offerta in Sicilia, unendo i punti di forza delle due imprese, nel segno della continuità: dai servizi ai consumatori, alla logistica alla gestione dei punti di vendita”.

I contenuti dell'accordo
L’intesa, che potrà comportare anche evoluzioni societarie, avrà come protagoniste due tra le maggiori Cooperative di consumatori, Coop Adriatica (173 pdv) e Coop Consumatori Nordest (85 pdv), e Aligrup, marchio di Despar con 178 strutture nelle province di Palermo, Catania, Siracusa, Enna, Caltanissetta e Ragusa. Coop Adriatica e Coop Consumatori Nordest sono già presenti nella compagine societaria di Ipercoop Sicilia, che gestisce, con Coop Lombardia e Coop Liguria, cinque ipermercati, a Palermo, Milazzo (Me), Catania e Ragusa.

Razionalizzare la presenza in Sicilia

L’attività di Coop nell'isola non riguarda solo la creazione di nuove partnership, ma anche una più generale razionalizzazione della propria presenza, con l'obiettivo di salvaguardare quelle cooperative colpite dalla difficile congiuntura economica. In quest’ottica, dal 7 maggio diventa operativa una nuova società, Supercoop Sicilia, che rileva 15 dei supermercati precedentemente gestiti da Coop 25 Aprile e Coop Primo Maggio, attualmente sottoposte a severi piani di risanamento, in modo da assicurare un posto di lavoro a circa 150 persone. “Confermiamo con queste azioni il nostro impegno per riaffermare il ruolo di Coop in un territorio difficile, ma strategico con l’obiettivo di raggiungere quelle economie di scala indispensabili per valorizzare la gestione della nostra rete di vendita al Sud salvaguardando le strutture e l’occupazione là presente -precisa Tassinari-. Noi di Coop continuiamo a investire non perdendo di vista i nostri obiettivi di legalità e trasparenza, oltre che di solidarietà, in controtendenza a quella parte della grande distribuzione che, invece, preferisce scegliere territori più facilmente redditizi e abbandonare il Mezzogiorno d’Italia”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome