Cooperativa Etruria: bilancio 2011, il fatturato sfiora i 185 milioni di euro

Retail

"La solidità economica e patrimoniale della nostra azienda, che chiude il bilancio 2011 con un fatturato di 185 milioni di euro, unita alla dinamicità che ci contraddistingue, sono gli strumenti con cui continueremo ad agire per tutelare e supportare al meglio i nostri soci nel peggior contesto di mercato della storia del commercio alimentare". A dirlo è Graziano Costantini, direttore generale della Cooperativa Etruria (master franchisee del gruppo Sma Auchan per i negozi a insegna Simply dell'Italia centrale: Liguria, Toscana, Umbria, Lazio e Abruzzo) che mercoledì 23 maggio ha riunito gli oltre 200 soci in assemblea per approvare il bilancio d'esercizio 2011 e la ripartizione del ristorno.

I numeri dell'esercizio 2011
"Nel 2011 i ricavi per vendite e prestazioni -sottolinea Stefania Nardi, direttore area rete vendite e servizi- sono cresciuti rispetto al precedente esercizio di quasi 10 milioni di euro. Su questo ha inciso positivamente la crescita del fatturato dei settori generi vari e freschi.
La diminuzione del margine lordo operativo va letta come conseguenza delle politiche commerciali adottate nei confronti degli associati, per aumentarne competitività e redditività".

Buon andamento degli utili
La crescita del risultato economico, pari a 3,2 milioni di euro al netto delle imposte ha consentito di proporre un ristorno ai soci di 1 milione e 650 mila euro, il più alto nella storia della Cooperativa, permettendo di chiudere il bilancio 2011 con un risultato netto di esercizio poco superiore a 1,5 milioni di euro.

Positiva situazione patrimoniale e riduzione del debito
"Il patrimonio netto cresce di 1,7 milioni di euro -conclude Nardi- superando i 28 milioni, tra capitale sociale e riserve. Diminuisce, inoltre, di 2 milioni di euro, rispetto al precedente esercizio, l'indebitamento verso il sistema bancario, pur aumentando il patrimonio".

I risultati di Gruppo
La Cooperativa Etruria chiude bene il bilancio consolidato perché “Le aziende del Gruppo -sottolinea Costantini- si occupano di food service, pet food e gestione diretta di punti vendita. Tutte le attività sono nate per favorire gli interessi diretti dei soci e sono complementari al core business della Cooperativa".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome