#Coronavirus Il made in Italy soffre?

Come sta reagendo la filiera dei trasporti a questa situazione? Come vivono i mercati esteri i prodotti made in Italy? Lo spiega Marco Salvi, dg di Salvi Unacoa e presidente di Fruitimprese 

“A parte l’annuncio di due giorni fa della presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen (“In Europa siamo tutti italiani”, ndr), non c’è stata una presa di posizione a livello comunitario che indichi procedure condivise, senza discriminazioni. O che, almeno, chiarisca la sicurezza dei prodotti made in Italy -dice Marco Salvi-. Purtroppo, ogni Stato interpreta e decide a seconda delle notizie che riceve e degli umori. Lunedì è stata una giornata campale, sembrava dovesse fermarsi tutto e abbiamo impiegato ore per spiegare ai nostri clienti che la produzione prosegue. E, soprattutto, che i prodotti sono sani. Oggi l'allarme sembra rientrato, ma ci chiedono se riusciremo a garantire la fornitura come da programma. Cosa che possiamo fare”.

 

 

La preoccupazione ovviamente resta. "La situazione è fluida e noi imprese viviamo alla giornata -continua Salvi-. Al momento, nel nostro Paese la merce entra ed esce quasi regolarmente. I Paesi come la Romania ci complicano le cose perché tengono in quarantena gli autisti in arrivo dall'Italia e quindi nessuno vuole venire a caricare qui. Ma mi preoccupa anche l'atteggiamento di Francia e Germania che non imparano dalla nostra esperienza. Per il sostegno alle aziende italiane voglio però ringraziare il Governo, in particolare la ministra Bellanova che si è attivata tempestivamente con i ministeri dei Trasporti e della Salute per risolvere le problematiche segnalate. Non ultimi i disagi ai confini con la Croazia e al Brennero”.

Nessun cambiamento, invece, negli scambi con la Spagna, anche se “è più difficile trovare camion spagnoli che rientrino, quindi è segno che ne stanno arrivando meno". Tutto sotto controllo per quanto riguarda la salute delle persone: "Abbiamo messo in massima sicurezza i magazzini di lavorazione, rispettando le distanze minime e prevedendo turni in orari diversi per evitare contatti, in modo da garantire sia il lavoro a tutto il personale, sia il prodotto", conclude Marco Salvi.

Il fronte retail

Gianmarco Guernelli ConadAumentano in modo significativo anche le vendite di frutta e verdura. "Abbiamo registrato una crescita esponenziale degli ordini, ma li stiamo comunque evadendo -afferma Gianmarco Guernelli, responsabile acquisti ortofrutta Conad-. In alcuni casi abbiamo incrementato le vendite del 60% ma, tolto il controstagione, lavoriamo come sempre dando precedenza al prodotto italiano. Abbiamo solo avuto qualche inevaso per questi importanti incrementi, ma ci stiamo attrezzando per garantire un flusso regolare dei prodotti e approvvigionare tutti i nostri punti di vendita".

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome