Findomestic: crollo dei beni durevoli nel 2012

Retail

Il tradizionale appuntamento con l'Osservatorio Findomestic, oggi a Milano, non ha riservato notizie sorprendenti: la spesa delle famiglie per beni non giudicati indispensabili nel 2012 ha subito un duro contraccolpo nonostante la riduzione della propensione al risparmio, finalizzata a preservare i livelli di consumo. La tipologia di beni maggiormente sacrificata è stata quella dei durevoli, il cui acquisto è stato rinviato quando non strettamente necessario, aumentando così la vita media dei beni in dotazione delle famiglie.

Contrazione dei consumi fino a metà 2013

Nel 2012 si stima che, a fronte di un calo del reddito disponibile del 4,5% reale, i consumi interni si siano contratti del 3,4%.
Le informazioni disponibili portano a stimare un andamento della domanda ancora debole nella seconda metà dell’anno, e si ipotizza che la contrazione dei consumi possa proseguire fino a metà 2013.
Per il 2013 è previsto un ulteriore ridimensionamento della domanda a fronte di un’analoga diminuzione del reddito disponibile reale (-1,1% per entrambi).
Alla fine del 2013 il livello dei consumi interni risulterà, in termini reali, del 5,7% inferiore rispetto a quello del 2007, mentre il reddito disponibile si sarà ridotto del 10,3% rispetto al livello pre-crisi.

I beni durevoli
La categoria dei durevoli è risultata quella maggiormente sacrificata, subendo una contrazione del 9,4%. L’acquisto dei durevoli è stato rinviato, quando non strettamente necessario, e la vita media di questa tipologia di beni è in continuo aumento. Fanno eccezione l’home comfort con vendite in crescita del 9,4% e, soprattutto, i cellulari (+24,1%), prodotti che conoscono un ritmo di sostituzione così elevato da mettere in discussione l’appropriatezza del termine durevole nel loro caso.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome