I profili del consumatore globale di prodotti di lusso

Luxury

Cresce il numero di consumatori di lusso a livello mondiale. A darne notizia uno studio di Bain & Company, condotto con Redburn Partners e Millward Brown, che mette in luce un target che si è triplicato negli ultimi 20 anni passando da circa 90 milioni nel 1995 a 330 milioni alla fine del 2013. E il trend sembra non voler cessare, tanto che si stima una crescita annua di circa 10 milioni raggiungendo 400 milioni di consumatori nel 2020 e 500 milioni entro il 2030. Dei 330 milioni di consumatori, il 55% acquista occasionalmente beni di lusso, mentre il restante 45% spende gran parte delle possibilità economiche in beni personali di lusso di varia natura generando il 90% del mercato globale.

A caratterizzare questo consumatore è l'eterogeneità. Siamo di fronte a degli shopper che non rappresentano più un élite omogenea, bensì un novero differenziato e molteplice in quanto con diverse preferenze e comportamenti d'acquisto. Nell'analisi di Bain & Company si evidenziano sette profili: omnivore, opinionated, investor, hedonist, conservative, disillusioned, wannabe.
Gli omnivore (25% del mercato con una spesa media annua di 2.350 euro) sono consumatori neofiti del lusso, sperimentatori di brand e prodotti, prevalentemente donne. Prediligono i negozi monomarca e i brand di lusso aspirazionale.
Il secondo profilo, gli opinionated (20% del mercato con una spesa media annua di 1.750 euro), è formato da persone consapevoli che acquistano nelle loro città (non in viaggio), influenzati dalla condivisione d'informazioni online e sui social network.
Gli investor (13% del mercato con una spesa media annua di 1.450 euro) sono attenti alla qualità, valutano gli acquisti tramite ricerche e raccomandazioni di altri consumatori.
Gli hedonist (12% del mercato con una spesa media annua di 1.100 euro) sono luxury addict, influenzabili dalla pubblicità, sono interessati al lusso in ottica di ostentazione ma non sono promotori di brand.
I conservative (16% del mercato con una spesa media annua di 1.000 euro) sono consumatori mainstream, fanno shopping nei multimarca e sono influenzati dalla raccomandazioni.
I disillusioned (9% del mercato con una spesa media annua di 800 euro) si identificano con i baby boomer, cercano prodotti durevoli e non sono influenzabili.
Infine i wannabe (5% del mercato con una spesa media annua di 500 euro) ovvero donne che cercano prodotti entry level, mixano prodotti di posizionamento diverso, non sono fedeli alla marca.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here