Italia, popolazione in salute portafogli un po’ malandati

In scena CONSUMI

Chi pensa che basta la salute può leggere con ottimismo l'Annuario statistico dell'Istat 2004: stanno salendo le aspettative di vita e aumenta la percentuale degli italiani che si dichiarano in buono stato di salute. Se si passa alla più prosaica analisi dei portafogli, le cifre cambiano drasticamente
Più insoddisfazione. Il 47,5% degli interpellati dichiara infatti di avere avuto nel corso dell'ultimo anno
(dato aggiornato a fine 2003) una diminuzione dei propri redditi. Si tratta del dato più alto da cinque anni a questa parte.
Divario Nord Sud. Le difficoltà economiche non fanno altro che accentuare il divario Nord Sud. La differenza di insoddisfazione, infatti, assomma a quasi 13 punti. La Regione che ha registrato il miglior risultato è ancora una volta il Trentino Alto Adige, mentre la Sarde
gna, con il 57,1% di famiglie che ritengono di aver diminuite le proprie entrate, ha tolto il poco ambìto primato alla Sicilia.
Risorse insufficienti. Ancora più preoccupanti dal punto di vista economico e sociale i dati sull'adeguatezza delle risorse economiche. La percentuale di famiglie che considerano scarsi o insufficienti i propri redditi è a sua volta aumentata di oltre quattro punti, passando dal 35,1 per cento al 39,9%, mentre diminuisce la quota delle famiglie di quelle che le giudicano ottime o adeguate (da 63,5 per cento a 58,8%). Le variazioni più consistenti hanno riguardato le famiglie del Nord e del Centro, ma al Sud solo il 52,1% delle famiglie interpellate ritiene di avere risorse sufficienti per tirare avanti con decoro.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome