Lush: a Milano il format di ultima generazione testato all’estero

Dal punto di vendita Lush di Corso Buenos Aires 53 a Milano partirà il piano di rinnovamento della rete Lush in Italia che in questo store propone un format volto a migliorare la customer journey. In Europa il brand etico di cosmetici freschi e fatti a mano ha già avviato lo stesso progetto in alcuni store. Il piano di restyling di Lush è partito a livello internazionale con un format innovativo testato negli store di Harajuku, Liverpool, Monaco e del Fresh&Flower Shop di Parigi.

"In Lush mettiamo la sostenibilità e la filiera etica sempre in primo piano, non solo
per quanto riguarda gli ingredienti dei nostri prodotti, ma anche quando si tratta
di rinnovare e allestire i nostri store -spiega Alessandro Andreanelli, managing director Lush-. Il negozio milanese di Corso Buenos Aires inaugura un format innovativo che apre la strada alla rigenerazione anche dei nostri negozi: grazie al sapiente
riutilizzo di arredamento esistente possiamo ridurre notevolmente il nostro
impatto ambientale, dando al contempo ai nostri punti vendita un look fresco e
accattivante".

Il concept store Lush

Il piano di espansione prevede un ampliamento della rete e investimenti nelle strade principali delle città in cui opera o intende entrare. Nello specifico, il negozio Lush in Corso Buenos Aires a Milano cambia location spostandosi dall’altra parte del marciapiede in un'area più ampia dove è stato realizzato un concept store in grado di facilitare l'esperienza di acquisto grazie a una migliore disposizione delle categorie. In modo particolare, Lush dispone l'esposizione attraverso la suddivisione per aree: Dairy (fresh, haircare e skincare), Bathing (doccia, saponi e bagno) e Gifting, ognuna riconoscibile e caratterizzata da una propria identità.

Al centro del format il concetto di sostenibilità, in linea con la filosofia dell'insegna che da anni ha attuato soluzioni concrete in termini di rispetto per l'ambiente. Anche questo store rientra in questo percorso. Per ridurre l'impatto ambientale, infatti, sono stati utilizzati elementi di arredo ad hoc e, al contempo, si sono ridotti gli sprechi nel processo di ristrutturazione del negozio. Si tratta dello stesso criterio adottato per l’approvvigionamento degli ingredienti dei prodotti. In questi termini si colloca anche il programma di reso Bring It Back, che consente al cliente di riportare in negozio qualunque contenitore di plastica Lush, vuoto e pulito, per favorirne il riciclo in un’ottica
di economia circolare, come raccontato in questo articolo. Per ogni contenitore riportato, il cliente riceverà 50 centesimi di euro utilizzabili per gli acquisti contestualmente alla spesa del giorno in uno dei 30 negozi Lush in Italia.

L'assortimento, che rispecchia la consuetudine dell'insegna, comprende anche articoli stagionali dedicati, in questo periodo, alle festività natalizie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome