Mdd Biologica, cresce ma fino a quando?

L’Europa è in testa per numero di lanci di prodotti biologici. Un nuovo rapporto di Mintel rivela che nel continente quasi un quinto di tutte le bevande e dei prodotti alimentari lanciati nell’ultimo decennio presentava la dichiarazione di prodotto biologico, rispetto al 10% soltanto nel resto del mondo. La Francia contribuisce per il 22% ai lanci di prodotti biologici in Europa, seguita dalla Germania (20%) e dalla Spagna (9%).

Le insegne della gdo si stanno sempre più orientando nello sviluppo di linee biologiche private label. La mdd rappresenta il 42% (fonte Nomisma) delle vendite bio nella gdo. E incalza sempre più la marca industriale, crescendo più velocemente (11% vs 9%) di quella per vendite a valore. Sono 247 le referenze bio mediamente vendute su base settimanale nel retail (Iper+Super, dati Nomisma). Ma qualcosa sta cambiando. Il bio punta sempre più a divenire mainstream, uscendo dall’area di prodotto solo alternativo. Per i co-packer questo significa alzare l’asticella su sicurezza e qualità del prodotto. E dunque, a monte, rimandare a investimenti in ricerca e sviluppo.

Per ora i conti tornano, anche perché con il bio qualcosa in più si riesce a spuntare. Ma attenzione: la locomotiva bio rallenta la sua corsa. A livello globale la crescita scende sotto le due cifre, come è stato raccontato nel secondo congresso annuale BioFruit, che si è svolto nell’ambito di Fruit Attraction a Madrid.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Se sei abbonato, fai per visualizzare il contenuto, altrimenti abbonati

Sei abbonato a Gdoweek ma non hai mai effettuato l'accesso al sito?
Registrandoti qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento, entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome