Metro Italia, uno dei principali partner per le imprese dell'horeca e i professionisti della ristorazione, accoglie con soddisfazione la notizia delle riaperture -seppure graduate- a partire 26 aprile: per sottolinearne il valore lancia la campagna #fuorisicuri.

È un progetto che porta avanti con Apci (Associazione professionale cuochi italiani), a tutela dei professionisti danneggiati gravemente dalla situazione dell’ultimo anno. La comunicazione evidenzia sia l’importanza di questa ripresa, sia l’apprezzamento verso le istituzioni che hanno permesso di raggiungere questo risultato. Contemporaneamente #fuorisicuri esprime un impegno per tutti, Metro Italia e Apci vogliono mettere in luce la sicurezza, fattore imprescindibile per affrontare i prossimi mesi.

La campagna #fuorisicuri è un appello a tornare a consumare fuori casa, ma in sicurezza, rispettando le norme che le istituzioni emanano e che i gestori esporranno ai loro clienti, unica possibilità per accelerare il ritorno alla normalità.

Tanya Kopps, Ceo di Metro Italia

"Con #fuorisicuri invitiamo tutti, professionisti del fuori casa e consumatori, a tornare alla convivialità, a ritrovarsi in pausa pranzo, a cena con gli amici o per un aperitivo e a farlo sempre rispettando con attenzione le disposizioni di sicurezza -spiega Tanya Kopps, Ceo Metro Italia-. Da più di un anno sosteniamo i nostri clienti e ne amplifichiamo le istanze; in questo momento di soddisfazione vogliamo evidenziare l’importanza del rispetto delle norme per garantire un’apertura efficace".

"È necessario restituire dignità e prospettiva a un settore che in questi mesi è stato tra quelli più penalizzati -aggiunge Sonia Re, direttore generale di Apci (Associazione professionale cuochi italiani)-. Siamo contenti di queste prime riaperture, ma speriamo ne seguano altre. Siamo pronti a lavorare in totale sicurezza e chiediamo maggiore fiducia e anche impegno nel superamento dei limiti ancora attivi. In particolare per le riaperture degli spazi interni dei locali e per la caduta del vincolo alla chiusura alle 22".

Metro Italia e Apci ribadiscono l’importanza del dialogo con le istituzioni per chiedere di:

  • condividere un calendario stabile delle riaperture, anche progressivo per maggior cautela, che porti a un’apertura a pieno orario e stabile nel tempo. Questo consentirà ai ristoratori di pianificare il lavoro, gestire i rapporti con i fornitori, organizzare i turni del personale, in altri termini non sprecare risorse economiche e umane e rispettare il lavoro di tutti.
  • risparmiare ai ristoratori le imposte Cosap e Tosap per l’intero 2021, considerando che mangiare all’aperto sarà un obbligo almeno all'inizio e probabilmente la soluzione più richiesta dai consumatori;
  • lavorare con le amministrazioni per cercare soluzioni insieme a quei locali che non hanno la possibilità di sfruttare spazi esterni;
  • lavorare con le istituzioni per trovare una soluzione concreta e stabile per permettere di ripartire anche a tutti gli operatori del catering e banqueting;
  • ottenere garanzie dalle amministrazioni circa i controlli anti-assembramenti, vera spina nel fianco dei gestori di esercizi pubblici che somministrano cibi e bevande. Il ristoratore o gestore di un locale non può vigilare, non ne ha il potere.

Con la campagna #fuorisicuri Metro Italia vuole rivolgersi a tutti: per questo, oltre che sensibilizzare il proprio staff a livello nazionale attraverso comunicazioni interne, sfrutterà i propri canali social e il sito per parlare anche ai consumatori finali.

Apci coinvolgerà nel progetto tutti i cuochi associati e il proprio network di professionisti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome