Nestlé intende comprare da Pfizer il business per l’infanzia

Finanza

Da Reuters apprendiamo che Nestlé sta per chiudere la trattativa per l'acquisto a 10 miliardi di dollari (7,7 miliardi di euro) delle attività Pfizer legate al baby food. Nella trattativa è in posizione di vantaggio rispetto alla coppia Danone e Mead Johnson.
La business unit per l'infanzia di Pfizer, in forte crescita fattura 2,1 miliardi dollari con oltre il 70% delle vendite nei mercati emergenti e una posizione chiave in Cina.

La messa in vendita è del luglio scorso
Pfizer ha messo in vendita il ramo di azienda lo scorso luglio dopo aver acquistato per 68 miliardi dollari Wyeth, mentre sta anche cercando di liberarsi anche della propria attività relativa alla linea di prodotti per gli animali.

Gli analisti commentano in modo positivo la conclusione favorevole per Nestlé dato che per Danone l'esborso potrebbe essere eccessivo per il suo bilancio. Reuter conclude dicendo che secondo il Wall Street Journal la conclusione dell'affare potrebbe essere annunciato al più presto la prossima settimana.

Pfizer
Pfizer è l'azienda farmaceutica che investe di più in ricerca e sviluppo, con circa 7 miliardi di dollari investiti nel 2010 e ha un portafoglio prodotti ampio e diversificato, che comprende oltre 600 molecole.
Fra queste l'arcinoto Viagra.
La sede principale è a New York, mentre i suoi centri di ricerca sono dislocati in varie nazioni, soprattutto negli Stati Uniti e i suoi prodotti raggiungono più di 150 paesi.

In Italia, Pfizer è presente dal 1955 e oggi vanta due sedi amministrative, a Roma e a Milano, oltre a tre stabilimenti di produzione, ad Ascoli Piceno, unico produttore mondiale di un nuovo farmaco per la cura dei tumori del tratto gastrointestinale (il sunitinib maleato), ad Aprilia e a Catania. A Milano si trovano un sito con un team di sviluppo clinico specializzato nella ricerca oncologica e un'Unità di Farmacovigilanza. Nella sede di Lorenteggio (MI) sono presenti anche le Business Unit Oncology e Consumer.
L'azienda Pfizer Italia, che nel 2009 ha raggiunto un fatturato di oltre 1,2 miliardi di euro, impiega oltre 3.000 dipendenti. La sua presenza nelle diverse Regioni italiane determina, inoltre, un indotto di 400 milioni di euro con oltre 3.500 aziende coinvolte.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome