Parmalat, Lactalis perde un round in Tribunale

Finanza

Nuovo colpo di scena nella battaglia legale per il controllo di Parmalat. Il Tribunale di Parma ha rigettato il ricorso con cui Lactalis aveva chiesto di sospendere la delibera del cda di Parmalat che ha rinviato l'assemblea. La decisione, presa grazie al decreto antiscalate del Governo, era tesa a due scopi: il primo impedire che Lactalis, ormai giunta alla soglia del 30% del controllo del Gruppo parmense, potesse raggiungere la maggioranza in cda; la seconda quella di permettere alla cordata italiana di organizzarsi.

Scenari

A questo punto apre quasi certo che il pool di banche capitanate da Intesa Sanpaolo e dalla Cassa depositi e prestiti riesca a dare vita al gruppo di investitori. Il partner industriale più accreditato in questa fase è Granarolo, mentre Ferrero si sarebbe sfilata. Due però le incognite: che cosa farà Lactalis, che potrebbe in extremis accodarsi al pool di investitori e, soprattutto, che cosa farà la Ue, visto che il decreto antiscalate potrebbe essere giudicato lesivo delle regole della concorrenza.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome