Lidl Italia, cambio al vertice, Silvestri nuovo Presidente

Massimiliano Silvestri, nuovo Presidente di Lidl Italia

Lidl Italia, una delle aziende leader nella grande distribuzione alimentare italiana, da 26 anni nel nostro Paese, dove ha aperto fino ad oggi 620 punti di vendita in 19 regioni, ha un nuovo Presidente: Massimiliano Silvestri, che subentra in questa carica a Ignazio Paternò. "Un avvicendamento nel segno della continuità" come lo definisce Lidl Italia. Paternò, il Presidente uscente, e Silvestri hanno lavorato a lungo insieme come membri del CdA di Lidl Italia. All'inizio del 2017 Silvestri è partito per il Portogallo, chiamato a gestire per Lidl il mercato lusitano (fra l'altro, Lidl si è aggiudicato per la prima volta il titolo di “Retailer of the Year” per il Portogallo). Nel marzo 2019 Silvestri rientrerà in Italia per assumere ufficialmente e operativamente la nuova carica.

Nato a Bari, 42 anni fa, Massimiliano Silvestri si è laureato nel capoluogo pugliese, in economia e commercio. Dopo un’esperienza presso la Hauptzsitz (sede centrale/casa madre) in Germania (ricordiamo che Lidl è un'insegna di Gruppo Schwarz, il 5° retailer mondiale), è entrato in Lidl Italia nel 2003 per ricoprire la carica di "amministratore delegato vendite". Nella sua lunga attività in questo ambito commerciale, ha contribuito a sviluppare la rete di punti di vendita Lidl in Italia, facendosi promotore del percorso intrapreso da Lidl Italia per innalzare il suo posizionamento, in termini di immagine, da quello storico di hard discount a quello, attuale, di supermercato.

Ignazio Paternò, 38 anni, in carica come Presidente da luglio 2015, è stato il primo italiano ad assumere questo ruolo in Lidl Italia. Per effetto della spinta innovatrice di Paternò, orientata all’italianità e alla tipicità, Lidl ha rinnovato l’intero assortimento e portando all'80% la quota complessiva a scaffale di prodotti made in Italy. Il suo prossimo incarico nella casa madre in Germania, come membro del Consiglio di amministrazione, lo porterà a rafforzare il reparto acquisti e marketing.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome