Pac 2000A Conad e gli Allevatori umbri: via al progetto per le carni sicure

carni umbre tour Pac 2000A Conad

Carni sicure sulle tavole dei consumatori. È l’obiettivo del progetto Carni umbre tour, attivato nell’ambito del Psr per l’Umbria 2014-2020 misura 16.4.2 denominato Attività promozionali a raggio locale connesse allo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali, che coinvolge le aziende dell’appennino umbro-marchigiano. L’iniziativa nasce dal sostegno di PAC 2000A Conad alla Cooperativa tra Allevatori Umbri che invita le aziende a definire standard produttivi basati sulla certezza dell’identità degli animali, della razza, dell’età e del sesso, e sulla tracciabilità della filiera e sulla sana alimentazione degli animali. La promozione di carni con degustazioni e vendita coinvolgerà oltre 40 punti di vendita a insegna Conad dell’Umbria.

La Cooperativa tra Allevatori Umbri ha predisposto per l’occasione un Disciplinare che è in attesa di certificazione Pac 2000 A Conadministeriale e che prevede alcuni parametri di qualità che i soci devono rispettare nella loro attività: alimentazione sana dei capi, allevamento in Umbria e fasi di allevamento allo stato brado.  I capi saranno macellati nel mattatoio comunale di Massa Martana, struttura pubblica in grado di fornire ulteriore qualità alla lavorazione della carne. L'iniziativa Carni Umbre Tour proseguirà nel 2017 e 2018 con un'importante campagna che permetterà ai consumatori di conoscere le produzioni attraverso ulteriori incontri e degustazioni.

Danilo Toppetti, direttore generale di PAC 2000A-Conad, spiega: “L’Umbria è la nostra terra e le iniziative che stiamo portando avanti in questa regione nascono dal forte attaccamento e radicamento con il territorio. Vogliamo continuare a crescere valorizzando le produzioni di qualità che nei nostri supermercati trovano uno veicolo molto importante per accedere a mercati nazionali e internazionali”. Paolo Lucheroni, responsabile della divisioni Carni di PAC 2000A Conad, aggiunge: “Oggi nasce una filiera corta di qualità che abbiamo voluto fin da quando, tre anni fa, ideammo il progetto”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here