Accordo Anci-CoReVe per sviluppare la raccolta differenziata nei comuni

Servizi

Anci, CoReVe e Ancitel Energia e Ambiente hanno promosso alla Camera dei Deputati un incontro per presentare i progetti di raccolta differenziata del vetro, realizzati e in via di realizzazione, nei Comuni italiani. Ne hanno discusso a Roma, presso la Sala delle Colonne della Camera dei Deputati, Massimiliano Atelli, capo dell'ufficio legislativo del Ministero dell'Ambiente, Angelo Alessandri, Presidente della Commissione Ambiente, Filippo Bernocchi, vicepresidente Anci e delegato alle Politiche sui rifiuti, Enzo Cavalli e Dante Benecchi, rispettivamente presidente e direttore generale del CoReVe, Paolo Dalla Vecchia e Nicola Nascosti, entrambi componenti del comitato tecnico paritetico Anci-CoReVe.
L'accordo è stato concepito per offrire un'opportunità ai Comuni di usufruire di incentivi per la raccolta differenziata del vetro grazie a metodi innovativi. È questo l'obiettivo che Anci e CoReVe, supportati nelle loro attività da Ancitel Energia e Ambiente, si sono proposti con la sottoscrizione di un accordo che vuole dare nuovo impulso alla raccolta differenziata dei rifiuti da imballaggi in vetro.

L'appuntamento è diretto a illustrare contenuti e ratio dell'accordo Anci-CoReVe il quale, a integrazione dell'accordo quadro sottoscritto tra Anci e Conai, si propone di migliorare la qualità del vetro inviato al riciclo, di concerto con le amministrazioni locali, ottimizzandone i metodi di raccolta.
Nello specifico caso del vetro, un idoneo sistema di raccolta determina un significativo guadagno per la collettività, in quanto il vetro usato, materiale eco-compatibile per eccellenza, può essere riciclato infinite volte, dando vita a contenitori sempre nuovi e dalle proprietà originarie invariate; proprio per la possibilità di rigenerarsi, questo materiale costituisce un valido esempio della capacità dei rifiuti di trasformarsi in nuova risorsa per l'ambiente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here