Carrefour senza posa continua ad innovare

carrefour market ti adoro torino 2016

Continua l’evoluzione dei formati distributivi, obiettivo per tutti un’omnicanalità che esprima un’esperienza per il cliente “seamless” cioè senza sbavature, coerente a prescindere dal canale con cui decide di interagire. Omnicanalità che include sì l’eCommerce, ma anche experience diverse sotto la stessa insegna, dal gourmet, ai servizi. La logica di “tutto sotto lo stesso tetto” si ribalta e diventa “quel che vuoi, dove lo vuoi, quando lo vuoi”. Una filosofia che Carrefour sembra aver sposato in toto, a giudicare dal numero di aperture degli ultimi tempi, tutte dotate di nuovi concept ...  Vediamole insieme.

Ipermercato
Su una superficie di 7.500 mq, l’iper di Nichelino (primo store del parco commerciale I viali di Nichelino ,apertura 2017), rappresenta il nuovo modello di riferimento del gruppo, declinando ulteriormente i concetti applicati a Carugate (Mi) alla fine del 2015. “Questo è il secondo ipermercato Carrefour che si caratterizza per l’attenzione al rinnovamento, senza perdere di vista la quotidianità e le abitudini dei nostri clienti, così da offrire un’esperienza di spesa più coinvolgente e soddisfacente, sentendosi sempre a casa propria”, precisa Emmanuel Gaches, direttore divisione ipermercati di Carrefour Italia. La rivisitazione dell’ipermercato da parte di Carrefour sembra prendere i passi dalla lezione imparata dai fast fashioner: ambiente curato, allestimenti allettanti, senza rinunciare all’offerta di prezzo e convenienza. Il cliente che entra nell’ipermercato non ha la sensazione di fare una scelta di prezzo, ma di qualità. La cura dell’experience si esprime anche in una più ampia presenza di personale in alcune aree come il make-up, i laboratori a vista, le referenze bio nei freschi. Così come l’aggiunta di “negozi” che siano l’ottico e la parafarmacia accessibili sia sul perimetro della galleria, siamall’interno, cui si aggiunge il fiorista, che apre le porte sulla piazza dei freschi, rutilanti di merci (era la prima settimana di apertura). Anche l’enoteca è pensata per momenti e portafogli diversi: dalla cantina temperatura controllata per i vini più prestigiosi, all’area refrigerata per un pronto consumo, fino ai vini di prezzo alla portata di tutte le tasche; anche qui si aggiunge il servizio con un sommelier dedicato all’area.  Una  sfida  per  Carrefour  per  un  format già in parte testato a Carugate, ma che a Nichelino si misura con una piazza periferica con un target fatto di famiglie. Molte anche le attività ludiche per coinvolgere i bambini che ruotano intorno all’alimentazione, tema caldo per tutti.

Il supermercato Urbano
Un format dedicato ai bisogni di coloro  che  vivono  e  lavorano  in  città: urbano è un supermercato per chi ha poco tempo. Questi, in estrema sintesi, i punti chiave del nuovo format che ha visto la sua espressione  lo  scorso  luglio  nel  centro di Torino: uno store aperto 24 ore su 24, di 785 mq di superficie di vendita per circa 8.500 referenze complessive, di cui 1.000 codici nello scatolame.

L'intero articolo su Gdoweek n. 13

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here