Conad del Tirreno punta sulla Sardegna

Retail

L'ultima grande operazione di Conad vede l'acquisizione di 19 punti di vendita ex Pellicano del gruppo
Lombardini
presenti nelle province di Nuoro, Olbia-Tempio, Cagliari, Carbonia Iglesias, Oristano, Sassari e Ogliastra. Con questa acquisizione e il programma di nuove aperture, Conad conferma la propria presenza capillare sul territorio e sarà leader della grande distribuzione in Sardegna con una quota di mercato del 18,5 per cento, 2.500 occupati e 100 punti di vendita.

Conad crede nella Sardegna
L'Ad di Conad del Tirreno Ugo Baldi così commenta: “Grandi e nuove
opportunità per Conad del Tirreno, per i suoi soci, per l'imprenditoria locale e per
l'occupazione. Obiettivo perseguito con la recente acquisizione di 19 punti di vendita del
gruppo Lombardini e con importanti progetti di sviluppo e collaborazione sul territorio”.

Nel piano di sviluppo al 2014, sono previsti investimenti per 300 milioni di euro, che
porteranno i soci di Conad del Tirreno a sviluppare vendite per 3 miliardi di euro con nuovi
punti di vendita, distributori di carburanti e parafarmacie.
“La situazione economica e sociale è molto complessa. La stiamo
affrontando con determinazione e con validi progetti, sempre dalla parte del cliente: puntiamo
a fornire prodotti e servizi con il miglior rapporto fra convenienza e qualità e investiamo a
sostegno dei consumi. Per i nostri clienti abbiamo prodotto un risparmio medio di oltre il 30
per cento con più di 40 promozioni e iniziative” sottolinea Ugo Baldi. Da segnalare in proposito Carrello Felice e Conad Day bis, mentre sul fronte dei servizi, a fine 2011, i 4 distributori di carburanti Conad (2 dei quali in Sardegna,
a Carbonia e Porto Torres) avranno fatto risparmiare ai cittadini 2,75 milioni di euro e le
16 parafarmacie (5 quelle isolane) registreranno vendite per oltre 1 milione di farmaci senza
ricetta medica con uno sconto medio del 20%.

Un terzo dei prodotti alimentari è prodotto in Sardegna
Buono anche l'andamento delle vendite di prodotti a marchio, la cui incidenza sulle vendite
complessive nei supermercati sardi ha raggiunto il 18%, grazie anche alle tante novità
presentate nel corso dell'anno in tutti i brand.
La distintività di Conad del Tirreno in Sardegna passa dai reparti freschi e freschissimi,
caratterizzati da una grande attenzione alle produzioni locali e da assortimenti e promozioni che
“parlano” sardo, con un offerta competitiva, da leader.
Un terzo dei prodotti alimentari venduti nei punti di vendita sardi di Conad del Tirreno è
prodotto nell'isola. Assieme a 200 fornitori la cooperativa sviluppa una qualità che è evoluta
e si è fatta eccellenza: 2 mila prodotti per un fatturato stimato, a fine anno, di 60 milioni di
euro.

Prodotti sardi all'estero
Un localismo che varca i confini regionali per proporsi in nuovi mercati, nel resto d'Italia
come in Europa.
La qualità dei prodotti sardi, soprattutto nella
linea Sapori&Dintorni Conad, è ad alto livello e crea le premesse per il passaggio
agli scaffali da parte di Coopernic, la società cooperativa di diritto fondata dalle
maggiori catene distributive europee: Conad, i belgi Colruyt, gli svizzeri Coop, i francesi
E.Leclerc e i tedeschi Rewe. Si tratta di 20 mila punti di vendita presenti in 22 Paesi europei
con un giro d'affari di 108 miliardi di euro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome