Conad programma un marchio ombrello per il biologico e vegano

Conad

La marca Conad cresce dell’11,1% (fonte: IRI - progressivo a novembre 2015) e registra un giro di affari di 2,8 miliardi di euro. L’insegna distributiva ha rivisitato circa 800 dei 2.949 prodotti, ripartiti tra Conad (2.101), Conad Percorso Qualità (500), Sapori&Dintorni Conad (245), Conad il Biologico (53) e i 50 di Creazioni d’Italia, brand riservato ai mercati esteri.
Per consolidare e potenziare questa fetta di mercato, Conad ha programmato per il 2016 la nascita di un marchio ombrello dedicato a segmenti distintivi e di valore, quali il biologico, il vegetariano/vegano, l’ecologico e l’equosolidale.
La partecipazione a Marca 2016. Secondo i dati diffusi in occasione di Marca, la manifestazione fieristica dedicata alla marca del distributore in programma oggi e domani alla Fiera di Bologna, cresce il valore del fresco, con un corretto rapporto tra qualità e convenienza. Incontrano il favore dei clienti il “tradizionale” Conad logo rosso (+9%), Sapori&Dintorni (+12%), Conad Conad Percorso Qualità (+8%) e Conad il Biologico (+30%), ma è buono anche l’andamento delle linee di prodotti più recenti, Conad Kids, Conad Piacersi, Conad AC e della gamma Creazioni d’Italia, destinata in esclusiva ai mercati esteri. Con un prodotti a marchio Conadconnotato comune: la forte componente nazionale. Sono italiani il 95% dell’ortofrutta, le filiere del latte e derivati, quella del pomodoro e di altri vegetali in scatola, nonché tutti i 245 prodotti Sapori&Dintorni Conad. Crescite significative della marca Conad si registrano in diversi comparti merceologici, a testimonianza di uno sviluppo che è strutturale e non legato a trend di mercato: drogheria alimentare (+9,1%), bevande (+8,2%), fresco (+10,4%), surgelati (+18,3%), cura della casa (+9,9 per cento), cura della persona (+13,7 per cento), ortofrutta a peso imposto (+19%) (Fonte IRI - progressivo a novembre 2015).

“Con i nostri brand offriamo al cliente qualità e convenienza rafforzando, al contempo, un rapporto solido con tanti piccoli e medi produttori locali che rappresentano l’eccellenza tipica regionale e una componente fondamentale dell’economia nazionale - sottolinea il direttore commerciale di Conad Francesco Avanzini - Ne traggono beneficio la produttività, tra le più alte del mercato, e la fidelizzazione: sono 7,8 milioni gli acquirenti non occasionali (il 31,7% delle famiglie italiane) che quasi ogni settimana fanno la spesa nei punti di vendita di Conad staccando oltre 45 scontrini all’anno”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here