Coop perfeziona l’accordo con il Consorzio del Parmigiano

Retail

Dall'11 giugno arriva il Parmigiano della Solidarietà: 1 euro per ogni chilo di parmigiano venduto a sostegno dei caseifici colpiti dal sisma. "Contiamo di poter devolvere nell'arco di due settimane 500.000 euro".

Adesione al lutto
Coop, la prima catena della grande distribuzione in Italia, aderirsce alla giornata di lutto nazionale di lunedì 4 giugno, negli oltre 1.400 punti vendita osserverà un minuto di raccoglimento e commemorazione, mentre Radio Coop trasmetterà per tutto il giorno musica consona e un messaggio che esprime la solidarietà della Cooperativa e dei lavoratori alle popolazioni colpite dal terremoto.

Dettagli dell'accordo per il parmigiano
L''accordo sottoscritto da Coop Italia e il Consorzio del Parmigiano Reggiano già una settimana fa a sostegno dei caseifici colpiti dal sisma, prevede che dal prossimo 11 giugno arrivi nei supermercati e ipermercati Coop, il Parmigiano della Solidarietà identificabile con un bollino blu e sostenuto da un'apposita campagna informativa nei punti di vendita.

1 euro per 1 Kg
Coop devolverà 1 euro per ogni chilo di parmigiano venduto, l'iniziativa indicativamente coprirà almeno 2 settimane. Allo stesso tempo gli acquisti Coop avverranno senza alcun ribasso sulle quotazioni correnti, garantendo così stabilità di introito ai caseifici e puntando a stroncare speculazioni o fenomeni di sciacallaggio.

Altre iniziative
Contestualmente sono già partite altre iniziative di solidarietà a livello di Distretto Adriatico (le coop coinvolte sono anche quelle più immediatamente colpite Coop Nordest, Estense, Adriatica, Coop Reno) ovvero il progetto “Noi ci siamo” al quale possono aderire soci e consumatori o con contributi diretti presso i punti vendita o attraverso il meccanismo dei punti della spesa. I fondi così raccolti verranno impiegati nel ripristino di edifici e dei servizi diretti alle comunità: dalle scuole ai nidi alle case di riposo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome