Esselunga, azienda multiprovinciale, che non riesce ad aprire a Genova, Roma e Firenze…

"Siamo un'azienda multiprovinciale, che neppure riesce a insediarsi a Genova o Modena, per non dire di Roma ove io poco, ma i nostri urbanisti, si sono recati forse 2.000 volte in dodici anni nel tentativo di superare le ostacoli di ogni genere, per incontrare adesso il niet del nuovo sindaco". Questo un passo della lettera che Bernardo Caprotti ha indirizzato al Corriere della Sera in ringraziamento a un articolo di qualche giorno fa (8 settembre) in cui Esselunga era citata come esempio di riferimento insieme ad aziende come Armani e Luxottica.

Più appropriato citare Ferrero piuttosto che Esselunga
"Mettere Esselunga -e dunque me- accanto ad Armani e Luxottica -scrive Caprotti- è azzardato. Meglio sarebbe stato mettere Ferrero. Esselunga è una piccola azienda, piccolissima nel suo settore, è solo un'azienda multiprovinciale, non ha un centesimo di attività fuori dai confini nazionali".

Lacci e lacciuoli tipicamente solo italiani
La lettera è lo spunto per tracciare le difficoltà di fare impresa oggi in Italia, per un'azienda retailer che deve difendersi dalla pubblica amministrazione, da sindaci opinionated, da un livello di tasse del 60%, da una politica del lavoro complessa. "Per realizzare un pdv occorrono mediamente da otto a quattordici anni. Ma per Legnano ventiquattro, mentre a Firenze forse l'anno prossimo aprireremo un Esselunga al di là dell'Arno, una iniziativa partita nel 1970!...".
Pur comprendendo i necessari scrupoli e i dovuti approfondimenti per ciascuno dei progetti, se i tempi di apertura di un pdv sono questi, si può intuire allora quale ostacolo allo sviluppo possa essere costituito dlla burocrazia italiana. Ed è comprensibile che, soprattutto in questi tempi di crisi, Caprotti concluda la lettera affermando: "Sono tante le cose che gli stranieri non possono capire di noi, di un Paese che se fosse libero e normale avrebbe potuto andare chissà dove".

Allegati

/wp-content/uploads/sites/7/2014/10/Lettera_di_Bernardo_Caprotti.pdf” target=”_blank”>Esselunga, azienda multiprovinciale, che non riesce ad aprire a Genova, Roma e Firenze…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome