Gellino, l’igienizzante di tendenza

Gellino Cerichem Biopharm

Gellino, il gel igienizzante mani con il 70% di alcol etilico di Cerichem Biopharm, è pronto a raggiungere i consumatori con diverse innovazioni, nel corso dei prossimi mesi. Il prodotto, conosciuto per avere una custodia in silicone intercambiabile e collezionabile, che lo rende peraltro facile da trasportare, verrà proposto con nuove colorazioni, fragranze, soluzioni espositive, limited edition, capsule collection vicino al mondo della moda.

“Pratico per sua natura -spiega il brand manager Loris Grossi- Gellino sta diventando sempre più un vero e proprio accessorio, che combina l’esigenza di igienizzazione con la possibilità di utilizzare un prodotto trendy e collezionabile. Inoltre, abbiamo voluto fornire un contributo all’ambiente anche nella produzione di questa referenza: il nuovo pack, oggetto di un restyling, è infatti italiano, frutto della collaborazione di aziende italiane; gli stampi sono di proprietà, questo ci consente un controllo costante e una filiera più corta. L’importante traguardo è stato ottenuto grazie all’impegno di tutta l’azienda e in special modo del team di ricerca e sviluppo, capace di abbinare soluzioni innovative per il packaging alle performance del prodotto. Gellino è attualmente in vendita presso cartolibrerie, travel retail, catene quali Globo, Pittarosso: “Stiamo inoltre lavorando per posizionare il prodotto anche in grande distribuzione”.

La tutela del pianeta passa per i giovani

Il tema della sostenibilità ambientale applicato a Gellino verrà nei prossimi mesi allargato da Cerichem Biopharm anche ad altri progetti: verranno infatti studiate nuove confezioni con l’80% di carta che abbatteranno l’uso della plastica. “Inoltre – completa Grossi- studieremo soluzioni attraenti, con forme non convenzionali per i nostri packaging. La nostra idea di industria davvero ecosostenibile è pensata anche in funzione della sensibilità delle nuove generazioni, peraltro molto preparate su questi temi. Made in Italy e sostenibilità saranno gli elementi sui cui andremo a costruire i prodotti in futuro”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome