Henkel, trimestrale all’insegna della crescita

Produttori

Nel primo trimestre 2012 Henkel ha registrato un fatturato di 4.008 milioni di euro, con un incremento del 4,8% rispetto ai valori dello stesso periodo dell'anno scorso. Da un punto di vista organico, cioè depurato dagli effetti di cambio e dalle acquisizioni/cessioni, l'aumento del fatturato è pari al 4,7% e segna quindi nuovamente un buon tasso di crescita.

Settori di attività

A questo andamento hanno contribuito tutti i settori di attività. La divisione Detergenza ha ottenuto una valida crescita organica del fatturato pari al 4,5% e anche la divisione Cosmetica/Igiene personale ha fatto registrare un buon andamento organico delle vendite con un incremento del 4,0%.
La divisione Adesivi e Tecnologie ha visto un significativo incremento organico del fatturato pari al 5,6%. A questo trend positivo di tutte e tre le divisioni hanno contribuito gli aumenti dei prezzi che Henkel è riuscita a imporre grazie alle innovazioni e ai marchi di successo.

Utili in aumento

L'utile di esercizio depurato da ricavi e spese non ricorrenti e dalle spese di ristrutturazione è migliorato del 16,6%, passando da 473 milioni a 551 milioni di euro. A questo incremento hanno contribuito tutti e tre i settori di attività. Il risultato operativo dichiarato (Ebit) è aumentato del 25,2%, passando da 430 milioni a 538 milioni di euro.
Nonostante l'aumento dei prezzi delle materie prime e degli imballaggi, l'utile sul fatturato depurato (margine Ebit) è nettamente aumentato di 1,3 punti percentuali, salendo dal 12,4% al 13,7%.
L'utile sul fatturato dichiarato ha raggiunto il 13,4%, dopo l'11,2% conseguito nello stesso trimestre dell'anno precedente.
Il risultato finanziario, pari a -36 milioni di euro, è leggermente migliorato rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (primo trimestre 2011: -37 milioni di euro). La quota d'imposta, pari al 24,7%, si colloca di 1,5 punti percentuali al di sotto dei valori dello stesso periodo dell'esercizio precedente (26,2%).

Gli utili trimestrali sono migliorati del 30,3%, salendo da 290 milioni a 378 milioni di euro. Al netto di quote di minoranza pari a 9 milioni di euro, gli utili trimestrali ammontano a 369 milioni di euro (primo trimestre 2011: 285 milioni di euro).
Gli utili trimestrali depurati, al netto delle quote di minoranza, sono passati a 377 milioni di euro dai 314 milioni di euro registrati nello stesso periodo dell'esercizio precedente. Gli utili per azione privilegiata sono saliti da 0,66 a 0,86 euro. Depurato, questo valore è stato di 0,87 euro rispetto a 0,73 euro ottenuti nel primo trimestre 2011.

Il rapporto fra capitale netto circolante e il fatturato è pari all'8,0% e dunque sullo stesso livello dell'esercizio scorso. L'indebitamento netto è stato ulteriormente ridotto, raggiungendo quota 1.159 milioni di euro alla fine del primo trimestre (1.874 milioni di euro al 31 marzo 2011).

Previsioni per il 2012

Per l'esercizio 2012 Henkel conferma la previsione di una crescita organica del fatturato compresa fra il 3 e il 5%. Henkel conta di poter proseguire il trend positivo per le attività al consumo e di riuscire a ottenere un incremento del fatturato nella fascia bassa a una cifra percentuale.
Per la divisione Adesivi e Tecnologie Henkel prevede una crescita del fatturato nella fascia media a una cifra percentuale.

Per gli utili sul fatturato depurati (Ebit) Henkel stima un incremento del 14 percento (2011: 13,0%), così come un aumento dell'utile depurato per azione privilegiata almeno del 10% (2011: 3,14 euro).
La base per queste previsioni è costituita dagli aumenti dei prezzi e dal continuo adattamento delle strutture alla situazione di mercato in continua evoluzione. Attraverso una severa disciplina di controllo dei costi, Henkel intende sovracompensare gli effetti sul risultato imputabili ai prezzi elevati delle materie prime.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome