Formaggi duri alla prova del nuovo

Per questa tipologia di formaggi, anche quelli all’interno dei consorzi di tutela, si apre una nuova stagione nel modern retail con una segmentazione più puntuale nel peso imposto e il solito dualismo banco taglio/libero servizio (da Gdoweek n. 16)

Schiacciati tra la tradizionalità intrinseca e la necessità di rispondere alle richieste del consumatore d’oggi, i formaggi duri, in particolar modo quelli tutelati, vivono una fase di mercato proiettata verso la modernità con profondi cambiamenti nell’ottica delle abitudini di acquisto e consumo e la possibilità di rispondervi mantenendo inalterati valori, appeal del brand, caratteristiche produttive. Una sfida difficile che interessa il mercato domestico e che, con ostacoli di differente natura, si gioca anche oltreconfine, un momento di passaggio che consegnerà al futuro a breve una nuova “natura” per questi prodotti sul palcoscenico retail, anche attraverso la “contaminazione” con gli stilemi alimentari più evoluti portati avanti, manco a dirlo, dai consumatori più giovani.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Se sei abbonato, fai per visualizzare il contenuto, altrimenti abbonati

Sei abbonato a Gdoweek ma non hai mai effettuato l'accesso al sito?
Registrandoti qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento, entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome