Loewengrube chiude tutti i locali fino al 3 aprile

“Da ragazzo ho imparato a lottare, c’era un avversario davanti a me e sapevo chi era. Oggi sto affrontando il match più difficile, l’avversario è invisibile ma intorno a me". Così Pietro Nicastro, fondatore della catena Löwengrube, il franchising italiano di ristorazione bavarese nato nel 2005 dal primo locale a Limite sull’Arno (Fi), annuncia la scelta dell’azienda Lowen-Com di chiudere i ristoranti fino al prossimo 3 aprile, data di validità delle misure di contenimento del contagio da Covid-19 estese a tutto il territorio nazionale con il Decreto pubblicato oggi sulla Gazzetta Ufficiale.

La chiusura riguarda  al momento tutte le 13 bierstube dislocate da nord a sud, quelle più grandi e nelle immediate vicinanze dei centri abitati. Chiudono anche i klein alla stazione di Verona e all’aeroporto di Cagliari e il wagen di Catania, in attesa che vengano definite le dinamiche previste dagli altri centri commerciali e outlet che ospitano 4 wagen e 1 klein, i diversi format del franchising di ristorazione bavarese.

L’azienda ha deciso, pur senza obbligo, di procedere alla chiusura dei locali, per tutelare la salute delle centinaia di collaboratori e migliaia di clienti che li frequentano quotidianamente. Una scelta difficile, soprattutto per una catena che ha pianificato dal 2020 importanti progetti di sviluppo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome