Per Wine Spectator è il Brunello il miglior vino italiano

Produttori

È il Brunello di Montalcino 2006 di Campogiovanni ad aver ottenuto il 4° posto nella “Top 100”, la rispettata classifica mondiale stilata dalla rivista americana Wine Spectator.
La tenuta sul versante sud-ovest del colle di Montalcino fu acquistata dall'Agricola San Felice nei primi anni '80. Attualmente sono 14 gli ettari destinati alla produzione di Brunello di Montalcino e il vigneto più antico fu piantato a metà degli anni '60.

Altre tre le etichette in classifica
Nella classifica stilata dal magazine americano sono altre 3 le etichette di Brunello premiate: al 17° posto La Togata 2006 della Tenuta Carlina, al 24° il Brunello di Montalcino 2006 La Serena e al 57° il Brunello Tenuta Nuova 2006 di Casanova di Neri.
Nella guida si contano altre 16 etichette italiane, se si escludono le 4 di Brunello di Montalcino.
«Il riconoscimento arrivato da oltre oceano - dichiara il Presidente del Consorzio Ezio Rivella - oltre a confermare l'alto livello raggiunto dai produttori montalcinesi, che si collocano stabilmente ai vertici dell'enologia internazionale, è l'ennesima testimonianza che quella del 2006 è stata per il nostro vino una delle migliori annate di sempre».

Il vincitore assoluto è californiano
Sul gradino più alto del podio della Top 100 c'è il californiano Pinot Noir Sonoma Coast 2009 di Kosta Brown. Al secondo posto un altro vino californiano, il Cabernet Sauvignon Napa Valley Kathryn Hall 2008 e al terzo il francese Vouvray Moelleux Clos du Bourg Première Trie 2009 di Domaine Huët.

Il Consorzio del Vino Brunello di Montalcino
Nato nel 1967 all'indomani del riconoscimento della D.O.C., come libera associazione fra i produttori, tutela e valorizza tutti e quattro i vini a denominazione di Montalcino: Brunello di Montalcino, Rosso di Montalcino, Moscadello di Montalcino e Sant'Antimo.
I produttori sono 250 (di cui 200 imbottigliatori), tutti associati al Consorzio. Complessivamente gli ettari a vigneto nel territorio di Montalcino sono 3.500 così ripartiti: 2.100 ettari coltivati a Brunello di Montalcino; 510 ettari coltivati a Rosso di Montalcino; 50 ettari coltivati a Moscadello di Montalcino; 600 ettari coltivati a Sant'Antimo Doc; la restante parte è coltivata a Igt.
Mediamente ogni anno sono prodotte 6.500.000 bottiglie di Brunello di Montalcino, 4.000.000 di Rosso di Montalcino, 80.000 di Moscadello di Montalcino e 500.000 di Sant'Antimo.
La produzione è esportata per circa il 60% e il valore complessivo del giro d'affari del settore vitivinicolo a Montalcino è mediamente di 140 milioni di Euro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome