Prosciutto crudo in fette, crescita a due cifre

Non c’è congiuntura che tenga: la crescita
di vendite del prosciutto crudo in vaschetta
continua a due cifre: a febbraio 2010 l’incremento
a valore registrato da IRI era del 10%
e a volume del 10,9%. Su base biennale
l’aumento si situa attorno al 20%.
Numerosi sono i motivi alla base dell’incontestabile
successo di un prodotto, grazie al quale
salumifici e retailer riescono a ricavare marginalità
molto interessanti: la praticità in primo luogo, ma anche
il grande miglioramento del packaging che ormai
consente di mantenere caratteristiche organolettiche
analoghe a quelle del prodotto tagliato al momento, e
infine la migliore segmentazione dell’offerta.

Le vendite ricevono un forte impulso anche dalla pressione
promozionale, che sfiora il 40%, tra i valori più
alti in assoluto del largo consumo. Clamoroso il balzo in
avanti delle Pl, cresciute del 19,7% a valore e del 23,8%
a volume. Le vaschette a marchio, oggi rappresentano
circa il 29% del mercato.

Per saperne di più leggi il pdf-white paper cliccando sopra

Allegati

/wp-content/uploads/sites/7/2014/10/309_16.pdf” target=”_blank”>Prosciutto crudo in fette, crescita a due cifre
Mercato | Gdoweek | 10 maggio 2010 |

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome