#Retailinprimalinea. Nuove chiusure domenicali e cambi d’orario

Ultimo aggiornamento al 20 marzo 2020

Le insegne distributive scelgono di razionalizzare gli orari di apertura e in alcuni casi di chiudere la domenica. Ecco le misure adottate in costante aggiornamento (sul fondo).

Abbiamo suggerito a tutti i nostri associati Sigma, Sisa e Coal di tenere i loro negozi chiusi la domenica nelle giornate del 22 e 29 marzo prossimi e fino a nuove indicazioni”. È quanto comunica Donatella Prampolini Manzini, presidente di D.IT-Distribuzione italiana che motiva così la scelta: “Ci rendiamo perfettamente conto del disagio che questa scelta potrebbe causare, tuttavia vi preghiamo di tenere in considerazione che il giorno di chiusura diventa funzionale anche per noi operatori al fine di poter ripristinare adeguatamente le scorte dei negozi ed offrirvi il miglior servizio possibile gli altri giorni della settimana”. E aggiunge: “Ad oggi le direttive del Governo non appaiono del tutto chiare in merito al ruolo di servizio che il contesto impone anche a noi della distribuzione organizzata. A questo si aggiunge un tema di sicurezza del lavoro per i nostri dipendenti e per i consumatori che quotidianamente utilizzano i nostri negozi e soprattutto il fatto che non ci sono informazioni certe riguardo al picco dei contagi che potrebbe avvenire nelle prossime settimane”.

Anche Conad e Md hanno optato per la chiusura domenicale.

Dato l'eccezionale momento e la volontà di agevolare l'applicazione delle indicazioni del Governo e delle regioni, Conad ha suggerito ai propri soci imprenditori di limitare l'apertura dei punti di vendita nelle prossime due settimane, dal lunedì al sabato fino alle ore 19 -dichiarato Francesco Pugliese, Ad Conad-. E di prevedere, in funzione delle eventuali necessità di servizio ai cittadini e in accordo con le autorità locali, la chiusura dei punti di vendita per le prossime due domeniche. Conad ringrazia i soci, i loro collaboratori e i partner delle filiere produttive e della logistica per il loro impegno quotidiano a garantire continuità di servizio e disponibilità di alimentari e beni primari alle famiglie in tutta Italia” conclude Pugliese.

Anche Md chiude i suoi 780 punti di vendita domenica 22 marzo per consentire agli addetti “una pausa di riposo fisico e mentale dopo settimane continuative al proprio posto di lavoro in una situazione di stress e preoccupazione che non ha precedenti. Così, per un giorno, l’#iorestoacasa sarà dedicato anche a tutti i lavoratori della grande distribuzione che in larghissima parte ha già adottato questa misura” spiega l’azienda.

Anche da Esselunga arriva una nuova presa di posizione sul tema, con razionalizzazione degli orari per "garantire ulteriore sicurezza alla clientela e ai suoi collaboratori e contribuire a ridurre il flusso delle persone fuori casa". Da sabato 21 marzo fino a venerdì 3 aprile, nei negozi in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Veneto, Liguria e Toscana nei giorni feriali verrà anticipata alle ore 20 la chiusura e la domenica l’orario di apertura sarà dalle 8 alle 15. Per quanto riguarda i punti di vendita nel Lazio, in ossequio alle disposizioni regionali, saranno aperti dal lunedì al sabato 8.30-19 e la domenica 8-15.

I punti di vendita Bennet, fa sapere la catena, rimarranno aperti regolarmente anche nella giornata di sabato, mentre la domenica gli ipermercati chiuderanno alle ore 14.00. Il servizio Bennetdrive rimane sempre attivo.

Aldi ha scelto la chiusura dei suoi punti di vendita nelle domeniche del 22 e 29 marzo, "misura precauzionale anche volta al contenimento degli afflussi negli store, fisiologicamente più alti nelle giornate di sabato e domenica".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome