Thun diventa retailer e raddoppia la rete vendita

thun

Thun cambia veste e passa dal ruolo di produttore a quello di retailer. L’azienda altoatesina traccia in alcuni punti chiave i vantaggi del passaggio che si appresta a compiere: space allocation, velocità di riassortimento, minimizzazione delle rotture di stock,  controllo delle leve di marketing e trasferimento della cultura retail a tutti i punti di vendita.

A supporto di questa innovazione è stata creata una nuova Direzione Retail. Il progetto nasce sia da un costante piano di acquisizioni di nuove location gestite direttamente,  sia dall’adesione dei partner franchisee, ai quali viene offerta la gestione diretta del prodotto da parte dell’azienda. "L'evoluzione del rapporto tra franchisee e azienda verso un legame sempre più forte e una focalizzazione sui rispettivi ruoli, è l'unica strada per permettere all'azienda di crescere come retailer – afferma Peter Thun, Presidente di Thun spa -  La centralità della relazione con il consumatore deve essere oggi più che mai la priorità di tutti gli attori coinvolti nel processo distributivo. Il consumatore non fa più distinzione e l’omnicanalità per essere veramente effettiva richiede l’applicazione di un preciso modello di servizio, declinato rigorosamente on e off-line”.

Piano di sviluppo. Gli obiettivi dell’azienda sono chiari: dopo il raggiungimento della gestione evoluta di oltre 100 punti di vendita fra diretti e franchising, si punta a raddoppiare entro il 2017, con una proiezione di crescita del +100% e un peso ponderato sul fatturato che mira a superare il 55% contro un 2016 in cui la previsione è di chiudere al 30%. “Entro il 2016 apriremo circa 50 nuovi negozi, più di 40 in gestione diretta, che andranno ad aggiungersi alle precedenti acquisizioni –  dice l’amministratore delegato Paolo Denti  - Tutti gli aspetti gestionali e organizzativi saranno garantiti dall'azienda così come tutto il supporto marketing e i programmi formativi al fine di permettere al punto di vendita di dedicare tutta la propria attenzione sul consumatore”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here