Unicoop Firenze: oltre 2 milioni a sostegno della Toscana

La cooperativa ha voluto dare il suo contributo sostenendo progetti in favore delle fasce più deboli della popolazione in questo momento di emergenza sanitaria. Unicoop Firenze e Fondazione Il Cuore si scioglie hanno messo a disposizione dei toscani più fragili 2,2 milioni di euro dall’inizio dell’emergenza Covid erogati in varie modalità: finanziamento diretto di progetti delle associazioni sul territorio, buoni spesa per l’emergenza alimentare, raddoppi della Spesa Sospesa e delle raccolte alimentari e scolastica. Queste iniziative hanno coinvolto anche soci e clienti.

Le risorse donate sono state in gran parte messe a disposizione dalla nostra cooperativa e dalla Fondazione Il Cuore si scioglie, ma sono anche il frutto della generosità di soci e clienti che prima con la Spesa Sospesa e poi con le raccolte alimentari di luglio e ottobre e con la raccolta di materiali scolastici di settembre hanno donato generi alimentari e sussidi scolastici. Vorremmo dire un grande grazie a tutti, alle sezioni soci e a tutta la rete del volontariato toscano. Con loro abbiamo cercato e cercheremo di non lasciare nessuno indietro -dichiarano da Unicoop Firenze -. Pensiamo a tutti coloro che per effetto dell’epidemia da Covid-19 hanno perso il lavoro, a tutte le famiglie che in presenza di un diversamente abile si sono confrontate con grandi problemi di gestione ed economici, pensiamo al disagio giovanile, in buona sostanza a tutte le persone più fragili”.

Tra le attività svolte anche la campagna Nessuno Indietro mirata al contrasto delle disuguaglianze e a sostegno delle associazioni di volontariato che aiutano quanti affrontano povertà, disabilità, disagio giovanile e violenza di genere. "I fenomeni di fragilità sono ancora più esposti in situazioni straordinarie come quelle che stiamo vivendo -dichiara Matteo Biffoni, presidente Anci Toscana-. L’impegno di Unicoop Firenze negli scorsi mesi è stato importante: la cooperativa ha subito preso consapevolezza delle problematiche e della necessità di intervenire per sostenere chi rischiava di subire in maniera esponenziale le conseguenze della situazione di crisi sanitaria ed economica”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome