Unicoop Firenze mette al bando gli shopper in polietilene

Retail

Dal 29 maggio, in tutti i 98 punti di vendita di Unicoop Firenze -che in un anno vedono passare dalle casse oltre 68 milioni di clienti- i tradizionali shopper in plastica sono stati sostituiti da sacchetti completamente biodegradabili e compostabili in Mater-Bi, famiglia di bioplastiche sviluppate e commercializzate da Novamont, biodegradabile e compostabile naturalmente in conformità con le norme europee UNI EN 13432 e UNI EN 14995.

I nuovi sacchetti sostituiranno integralmente oltre 50 milioni di
shopper in plastica e, potendo essere riutilizzati per la raccolta
differenziata, diventeranno un potente mezzo per promuovere una
raccolta di qualità del rifiuto organico, aiutando così anche il
riciclo di qualità delle altre filiere.
Realizzati con un materiale di seconda generazione -risultato delle evoluzioni della bioraffineria Novamont di Terni, con un miglioramento del polimero in termini di contenuto di materia prima rinnovabile ottenuto grazie allo sfruttamento di materie prime non alimentari e conseguente diminuzione dell'impatto ambientale- i nuovi sacchetti si fregiano, tra le tante certificazioni internazionali, anche del nuovo marchio “CIC Compostabile” che permette di riconoscere
immediatamente i sacchi compostabili.

Incentivi per promuovere il riuso
Con l'iniziativa Diamo una mano all'ambiente -presentata a fine maggio a Firenze in occasione di Terra Futura- Unicoop Firenze intende
promuovere una campagna di comunicazione per la promozione della
raccolta differenziata ("usa e riusa il sacchetto per la raccolta
differenziata della frazione organica destinata al compostaggio") e
della riduzione degli imballaggi che si concretizzerà anche in
iniziative di formazione e informazione per soci e consumatori, oltreché
per le scuole.

La cooperativa si era già mossa da tempo in questa direzione, sollecitando fra soci e consumatori comportamenti volti al "riuso". In un anno e mezzo sono state distribuite gratuitamente ai soci 660.000 borse per fare la spesa, in materiali resistenti, adatti a contenere tanta spesa e durare nel tempo. Un altro mezzo milione di borse, con il marchio l'Ambiente in mente è stato acquistato da soci e clienti che si sono attrezzati a fare a meno delle borse usa e getta. Infatti nel 2008 sono stati complessivamente venduti nei pdv della cooperativa cinque milioni di shopper in meno rispetto all'anno precedente, nonostante l'aumento delle vendite e dei clienti. Un risultato importante, ma certo non decisivo: dal 1° gennaio 2008 ad oggi sono stati 70 milioni gli shopper che sono usciti dai pdv della cooperativa, 840 tonnellate di plastica che sono finiti in discarica, negli inceneritori, o dispersi nell'ambiente.

Proprio per incentivare comportamenti "virtuosi" da parte di soci e clienti, a partire dal mese di giugno tutti coloro che faranno la spesa nei punti vendita di Unicoop Firenze con le borse "riuso" riceveranno 2 punti in omaggio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome