Accenture: come l’IT spinge il business

Tecnologie

Le tecnologie digitali che valorizzano la customer experience garantiscono opportunità di crescita e migliori performance alle aziende che vi investono. Lo evidenzia l'ultima ricerca globale di Accenture High Performers in IT: Defined by Digital, che presenta le considerazioni di dirigenti IT di oltre 200 aziende globali appartenenti a un'ampia varietà di settori.


Lo studio

Nonostante molte organizzazioni continuino a concentrarsi sulla riduzione dei costi IT, sull'aumento della produttività e il miglioramento dei processi, lo studio Accenture svela come le aziende High Performer, ossia che realizzano le migliori performance, siano quelle che dedicano ben il 55% del budget IT a soluzioni in grado di fornire capacità strategiche a supporto della crescita e delle prestazioni aziendali. Le altre realtà investono invece solo il 37%. Una differenza ancor più netta emerge nella definizione della strategia: le imprese che utilizzano l'IT in modo eccellente, guardano al di là dei propri obiettivi e tengono conto di implicazioni di business più ampie - fattori sociali, economici e geopolitici - cinque volte in più (50% vs 10%) rispetto alle altre.

Esperienza mobile

Secondo la ricerca, infatti, il 69% delle imprese High Performer è impegnata in transazioni mobili rispetto al 42% delle altre organizzazioni; questo consente ai clienti, ad esempio, di ordinare un paio di scarpe, prenotare un viaggio, pagare il caffè e addirittura trasferire denaro da un conto bancario a un altro quando si è in movimento. Inoltre circa il doppio delle aziende leader nell'IT rispetto alle altre sta raggiungendo o superando i ritorni attesi dagli investimenti in analisi predittive e descrittive.

Studio del cliente
Infine, sfruttando con successo i collegamenti tra IT e business, le aziende che hanno raggiunto le performance più alte sono meglio attrezzate per implementare capacità analitiche strategiche. Quasi la metà (46%) sostiene di aver già sviluppato e sfruttato analisi sui cambiamenti nei comportamenti d’acquisto dei clienti, rispetto ad appena il 3% delle altre organizzazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here