Asos acquisisce Topshop

Andata a buon fine l'operazione che ha portato Asos all'acquisizione dei marchi di Arcadia, Topshop, Topman, Miss Selfridge e Hiit. Restano ancora senza acquirente, invece, gli altri marchi di Arcadia ossia Burton, Dorothy Perkins e Wallis. Si tratta di un deal da 265  milioni di sterline e la transazione sarà completata il 4 febbraio. Tra gli obiettivi di Asos, sulla cui piattaforma Topshop è già presente, c'è l'espansione e il consolidamento in mercati internazionali come nel caso di Stati Uniti e Germania.

Nick Beighton, Ceo di Asos, sottolinea l'importanza strategica di questa acquisizione: "Siamo stati fondamentali per guidare la loro recente crescita online e, sotto la nostra proprietà, li svilupperemo ulteriormente, utilizzando la nostra esperienza in design, marketing, tecnologia e logistica e lavorando a stretto contatto con i principali partner strategici al dettaglio UK e in tutto il mondo" afferma.

Si tratta, infatti, di un'opportunità strategica per intercettare il target di ventenni amanti della moda in tutto il mondo. "Questa transazione -prosegue Beighton- ci consente di portare all'interno dell'azienda marchi iconici, consentendoci di sovrapporre i nostri punti di forza principali e trasformarli in primari marchi digitali leader. I marchi acquisiti si uniranno al nostro portafoglio Venture Brands insieme ad altri tra cui Collusion, AsYou e Reclaimed Vintage. Manterremo il loro marchio consolidato e il posizionamento del cliente, che è differenziato dal nostro core Asos Design e da altri marchi Asos".

Una scelta importante che consentirà al colosso eCommerce di potenziare e ampliare il proprio target e di offrire varie fasce di prezzo grazie a una proposta di brand più articolata.

Asos intende inoltre massimizzare le opportunità per la distribuzione globale dei marchi. "In questo senso -aggiunge il Ceo- intendiamo accelerare la nostra strategia negli Stati Uniti attraverso la partnership con Nordstrom in questo mercato chiave".

L'acquisizione da parte di Asos, colosso delle vendite online, comprende i brand, la proprietà intellettuale e il magazzino, ma non la rete di punti di vendita. Dal punto di vista occupazionale, l'operazione consentirà il reimpiego dei 300 dipendenti attivi nei settori design, retail partnership e acquisti che dovrebbero passare in Asos. Sono, invece, da definire le migliaia di posti di lavoro relativi ai 70 store dislocati nel Regno Unito.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome