DNV certifica le filiere sostenibili e illycaffè fa da benchmark

Produttori

L'ente di certificazione Det Norske Veritas ha sviluppato un innovativo standard per la certificazione dell'approccio alla sostenibilità delle aziende attraverso l’analisi dei processi e delle relazioni con gli stakeholder lungo tutta la filiera produttiva, con particolare riguardo alla supply chain.
Per farlo, DNV è partito dal modello che illycaffè ha messo a punto negli ultimi vent'anni di rapporto diretto con i produttori di caffè del Sud del mondo.

DNV ha sviluppato questo standard integrando il modello illy con le linee guida attuali ed emergenti in tema di sostenibilità e responsabilità d’impresa, nonché gli standard di riferimento per le attività di certificazione ed accreditamento.
“Questo standard di certificazione della supply chain è particolarmente innovativo -ha affermato Vittore Marangon, Ad Det Norske Veritas Italia- in quanto orientato alla costruzione di valore nel lungo termine, attraverso il raggiungimento di elevati standard di qualità e il loro perpetuarsi nel tempo, anche attraverso politiche sociali a sostegno della catena di fornitura”.

Lo schema di certificazione, valido per qualsiasi tipologia di catena di approvvigionamento della materia prima e aperto a qualsiasi azienda e settore in tutto il mondo, ha sviluppato come primo esempio di attuabilità uno specifico protocollo esecutivo per la filiera del caffè.
Ovviamente, sarà proprio illycaffè la prima azienda a iniziare il processo di certificazione secondo il nuovo schema.

“La mancanza, fino a oggi, di uno standard verificabile da una terza parte che valorizzasse nella supply chain comportamenti responsabili considerando anche la capacità di fare qualità, ha portato confusione -ha commentato Andrea Illy, presidente e Ad dell’azienda triestina-. Grazie a questa certificazione il mercato finalmente disporrà di uno strumento efficace e basato su un sistema concreto di indicatori che rispondono anche a parametri di controllo e di qualità.”

Le caratteristiche della certificazione

Lo standard sviluppato da DNV è basato su criteri innovativi e nasce dall’integrazione, l’analisi e il confronto degli altri modelli di certificazione del settore, delle linee guida attuali ed emergenti sulla sostenibilità e la responsabilità sociale d’impresa, delle linee guida e gli standard di riferimento per le attività di certificazione e accreditamento nonché dall’esame del modus operandi di illycaffè.

Il modello è stato costruito tenendo in considerazione:

- la definizione di requisiti che rappresentano le migliori prassi disponibili nel settore;

- la concreta e capillare diffusione della politica di responsabilità sociale;

- la determinazione di specifici obiettivi di prestazione in ambito qualitativo, sociale, ambientale e della sicurezza;

- la valutazione dello stato di raggiungimento degli obiettivi;

- l’applicazione di un “riconoscimento economico” in funzione dell’impegno socio-ambientale.

L’approccio DNV è basato sulla verifica di Key Performance Indicators (KPI). Attraverso questo approccio viene introdotta una gestione dei fornitori basata su relazioni costanti, con la verifica del rispetto di alcuni requisiti di base e la definizione di obiettivi, che variano di area in area secondo le maggiori criticità locali individuate. Al raggiungimento di questi obiettivi, aspetto particolarmente innovativo in un’ottica evolutiva, per i fornitori sono previsti riconoscimenti di tipo sociale, non meramente economico, e orientati alla mutua sostenibilità.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome