Non si ferma lo sviluppo di Gruppo Gesa, proprietaria dei marchi Cioccolatitaliani e Pizzeria italiana espressa, che tra primo e secondo lockdown ha aperto 9 punti di vendita, 4 dei quali all'estero.

"Il piano di sviluppo in Italia e all'estero è stato ricalibrato alla luce dei cambiamenti dovuti all'emergenza sanitaria -commenta Vincenzo Ferrieri, vice presidente del gruppo Cioccolatitaliani- abbiamo messo in atto una serie di nuove procedure mai utilizzate prima: l'impossibilità di spostarsi e di viaggiare ci ha dato lo stimolo per implementare velocemente nuovi processi per realizzare i negozi, preparare il lancio del brand sui nuovi mercati e addirittura svolgere l'addestramento del personale a distanza. Abbiamo aperto 4 locali all'estero (Tirana, Riyad, Pristina e Rabat) completamente da remoto e 5 in Italia (Udine, due a Roma, Gravellona Toce e Milano-Bicocca) destreggiandoci in una situazione molto complessa a causa delle diversità normative da una regione e l'altra".

Quella di Riyad è la sesta nella principale città dell'Arabia Saudita, Tirana è il terzo locale in Albania, Pristina è il bis in Kosovo, mentre Rabat segna il debutto di Cioccolatitaliani in Marocco. Tornando in Italia, l'apertura a Gravellona Toce con Pizzeria espressa italiana è anche la prima bandierina del gruppo in Piemonte.

"L'apertura di Rabat à sicuramente la più bella e la più sfidante che abbiamo affrontato in questi 11 anni -commenta Ferrieri- bella perché si tratta di un negozio di circa 1.000 mq sviluppati su tre livelli, caratterizzato dalla nostra fabbrica di cioccolato e arricchito dalla produzione di pane, prodotto imprescindibile per il mercato marocchino. Sfidante perché abbiamo implementato nuovi prodotti e lavorazioni per abbracciare la cultura locale; in più l'apertura è stata seguita interamente da remoto compreso il training del personale".

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome