Intersport (Cisalfa) rimodula il posizionamento di insegna

Intersport Cisalfa King Ancona

Elevare l’esperienza sportiva è l’obiettivo principe della politica di sviluppo di Intersport, catena collegata ad Intersport Internazional Corporation da una partecipazione azionaria e un accordo di licenza del marchio e legata in Italia a Cisalfa Sport.

“Il Covid ha incrementato la richiesta dei consumatori verso i prodotti di questo settore associati a salute e benessere. Questa tendenza continuerà anche in futuro -spiega Volfango Bondi, general manager di Intersport-. Oggi la nostra priorità è di assecondare questa tendenza proponendo un’esperienza di acquisto positiva, appagante e di alta qualità con spazi idonei per le diverse categorie e una suddivisione tra mondo uomo e donna in base alle loro differenti abitudini di acquisto”.

Intersport Cisalfa King Ancona
Lo store Intersport di Ancona rappresenta una nuova sfida per ambiente, offerta e aderenza al territorio
Intersport Cisalfa King Ancona
È stata seguita una suddivisione degli spazi diversa tra uomo e donna in base alle loro differenti abitudini di acquisto

Un esempio è l’ampiezza dei camerini per le donne nel nuovo format di Ancona nel centro commerciale Conero, in partnership con King, riproposto anche a Cecina (Li). Un modello che permette di ridisegnare il posizionamento dell’insegna. “Vogliamo esprimere con chiarezza chi siamo e perché il consumatore deve scegliere i nostri negozi” continua Bondi. Queste aperture segnano, infatti, una tappa strategica nel piano di espansione dell’insegna che intende creare un legame emotivo con lo sportivo, attraverso momenti di engagement. La volontà è quella di far sentire a proprio agio il visitatore, permettendogli di scoprire i nuovi prodotti, provare outfit ed attrezzature negli ampi fitting room e dialogare con addetti esperti in un ambiente confortevole. In questo contesto rientrano soluzioni come gli Experience point, aree di relax, intrattenimento e consulenza con la presenza sia di addetti sia di supporti digitali, o la Running Experience, una pedana che in pochi istanti, attraverso la scansione del piede, indica le scarpe più adatte per la corsa.

Intersport Cisalfa King Ancona
La maggiore fruibilità è garantita dalla creazione di spazi idonei per le diverse categorie merceologiche

A livello estetico, il punto di vendita si connota per un design moderno con una distinzione netta delle discipline sportive per una più semplice individuazione dei prodotti.

A livello di sviluppo, l’espansione dell’insegna si articolerà con negozi di varie metrature in diverse aree geografiche. “Sviluppiamo i nostri store in base alle location, all’ambito geografico, alla capacità attrattiva del territorio rispettandone le peculiarità”, prosegue il general manager, sottolineando come lo store di Cecina, risponde a queste esigenze, pur con un’offerta ridimensionata, sviluppata su 300 mq. Per questo, tra i progetti futuri rientra la valorizzazione dell’omnicanalità “che ci consentirà di proporre il nostro assortimento totale anche nei negozi di minori dimensioni”.

Intersport Cisalfa King Ancona
L’omnicanalità rappresenta la prossima sfida di Intersport per garantire ampi assortimenti anche ai negozi di piccole dimensioni

Il piano di sviluppo terrà in considerazione anche la presenza degli store Cisalfa che sta velocemente implementando il suo format 3.0 con negozi di ampie superfici (oltre 1.000 mq), un progetto di visual innovativo e una disposizione delle collezioni più accattivante e fruibile, oltre che più evidente grazie a un’illuminazione led a basso consumo. “Per noi Cisalfa e Intersport sono la stessa anima -chiosa Bondi-. Le due insegne hanno obiettivi simili. Cisalfa ha accelerato l’espansione sul territorio annunciando dieci aperture ogni anno per i prossimi cinque anni, con l’obiettivo di arrivare in Borsa entro il 2024. Anche Intersport intende assecondare questo momento favorevole dei consumatori verso lo sport puntando al rafforzamento della rete -precisa Bondi-. Guardiamo a Cisalfa come il punto di riferimento con il quale vogliamo potenziare il gioco di squadra per gli anni a venire. In questo momento i marchi hanno una presenza uniforme sul territorio italiano, anche se ci sono regioni come Piemonte e Toscana in cui predomina l’una o l’altra. Da ora in poi l’obiettivo è di camminare insieme, in un percorso di condivisione che mantenga una com- presenza più equilibrata tra le due insegne”.

da Gdoweek 17, 15 novembre 2021

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome